Sarri alla Roma, la strada è possibile

Sarri alla Roma, la strada è possibile

Da Londra, dove si è svolto l’incontro a tavola tra Sarri e Baldini, fanno sapere che la Roma ha contattato l’agente del tecnico del Chelsea per sondare il terreno

di Redazione, @forzaroma

Conferme, smentite e nuovi appuntamenti in agenda. Una strada per Sarri alla Roma c’è, poi ce n’è pure un’altra, che ora è quella principale, in cui Di Francesco guida tranquillo perché fino alla fine della stagione avrà la corsia libera e il destino in mano per decidere dove andare e soprattutto dove arrivare.

A scriverlo è Erika Menghi su Il Tempo. Il futuro non è già scritto, è tutto in divenire e a Trigoria avrebbero evitato volentieri di ritrattare il tema allenatore in un momento in cui era tornata un po’ di pace e l’unica priorità era, ed è, l’attualità, con la Champions da conquistare attraverso il campionato e la qualificazione ai quarti di finale che passa dal secondo atto col Porto in programma tra due settimane. L’Inghilterra prova ad accendere quel focolare che nella capitale vogliono spegnere subito, da Londra, dove si è svolto l’incontro a tavola tra Sarri e Baldini, fanno sapere che la Roma ha contattato l’agente del tecnico del Chelsea per sondare il terreno e scoprire se è interessato alla proposta giallorossa. Sì, lo è. Anzi, avrebbe già in mente un progetto tattico preciso da mettere in pratica il prossimo anno, sull’impronta data dallo stesso Di Francesco con cui condivide la filosofia del 4-3-3 e da quella ripartirebbe, avendo a disposizione giocatori esperti del suo sistema di gioco preferito e peraltro molto graditi come El Shaarawy, Under e quello Zaniolo che «acquisterebbe» a costo zero chiedendo alla società lo sforzo di tenerlo (cosa che è già nelle intenzioni di Pallotta) e vorrebbe trasformare in un centravanti atipico, proprio come fatto con Mertens al Napoli. L’unica differenza: qualche centimetro di altezza in più del 19enne, che fa gioco nell’evoluzione da punta.

Sia mo già oltre, forse troppo. Perché 2 più 2 non fa sempre 4 e la frattura tra Sarri e il Chelsea più i dubbi venuti in questa stagione alla Roma su Di Francesco non fanno per forza del primo il futuro proprietario della panchina giallorossa. Se dall’Inghilterra, poi, confermano i contatti, da Trigoria arrivano solo smentite in questo senso: Baldini non avrebbe avuto modo di vedere l’amico allenatore a Londra perché da qualche mese sarebbe in Sudafrica per questioni personali e non nella City. In effetti, l’uomo di fiducia di Pallotta si trova in questo momento a Cape Town, ma avrebbe in agenda un imminente (nuovo) incontro con Sarri in terra inglese, fissato per fine mese.

Nel frattempo potrebbero esserci sviluppi sulla panchina Blues, ieri è sta ta superata la prova Europa League col Malmoe ma domenica arriva il test «vero» con il Manchester di Guardiola e sarà decisivo per il futuro del tecnico italiano a Londra. Lui vorrebbe riavvicinarsi a casa, altro motivo per cui la tentazione Roma gli solletica la fantasia. L’amore per Londra non è mai sbocciato, l’ambiente si è stancato presto del «Sarri-ball», ora criticato, i rapporti con la dirigenza e in particolare con Marina Granovskaia non sono. idilliaci, tutt’altro, e lo scollamento con lo spogliatoio traspare anche dalle parole dell’ex romanista Rüdiger: “Facciamo moltissima tattica, sembra di essere tornati a scuola, nell’ascoltare l’insegnante che ripete le cose all’infinito. Si rischia di diventare matti, ma è il nostro lavoro e va fatto. Giochiamo sempre per l’allenatore ma vorremmo che arrivassero anche i risultati”. La salvezza di ogni tecnico, Di Francesco compreso. In più, l’abruzzese ha potuto contare sul pieno sostegno di Monchi, il primo a mettersi in discussione per le scelte fatte tra mercato e panchina, il primo a pagarne le conseguenze, casomai, a giugno. Sarri o non Sarri.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy