Roma per la Viktoria: “Vietato fermarsi ora”

Roma per la Viktoria: “Vietato fermarsi ora”

I giallorossi devono costruirsi la qualificazione agli ottavi nelle prossime due sfide consecutive con i cechi e il Cska Mosca in casa

di Redazione, @forzaroma

Se non vince stasera, il derby è servito a poco. Per non dire a niente. La Roma ha l’obbligo di ripartire anche in Champions, dove la sconfitta in avvio a Madrid ha rappresentato un passo indietro – viste le modalità – dopo la semifinale dell’anno scorso, come riporta Il Tempo.

All’Olimpico stasera arriva il Viktoria Plzen, la squadra meno forte del girone già liquidata con un 4-1 nel 2016 in Europa League, da rispettare ma da battere: i giallorossi devono costruirsi la qualificazione agli ottavi nelle prossime due sfide consecutive con i cechi e il Cska Mosca in casa. L’aria attorno ai giallorossi è cambiata da sabato.

La Roma ha più certezze e Di Francesco ha allentato un po’ la pressione, allontanando nel giro di pochi giorni l’ipotesi-esonero. “Teniamoci stretto questo entusiasmo – spiega l’allenatore – perché affrontiamo un avversario difficile, con molta fisicità. È fondamentale l’aspetto mentale nell’approcciare certe gare e questa non la possiamo sbagliare. Ai ragazzi ho parlato di equilibrio, devono dare continuità a quello che stiamo facendo. Con la Lazio è arrivata una vittoria importante perché il derby vale doppio in tutti i sensi, però bisogna mantenere gli atteggiamenti giusti”.

Testa, testa, solo testa. I problemi dell’inizio di stagione secondo l’allenatore e dirigenti non sono mai stati di natura fisica né tattica. “Ho lavorato tanto sul 4-3-3 campo unendo le componenti fisiche, tecniche e mentali. Senza di queste non andiamo da nessuna parte”. Un discorso a parte lo merita Dzeko, decisivo ma ancora nervoso contro la Lazio. “Deve ritrovare solo il gol -spiega Di Francesco – vive per quello, ma nel derby mi è piaciuto al di là di quei dieci minuti dove non è stato bravo a gestire la palla. È stato bravo nell’azione del primo gol, me lo tengo molto stretto e va coccolato. Con lui sto facendo un lavoro sia psicologico che mentale perché è troppo importante per noi. Un gol semplice lo aiuterebbe a ritrovare la serenità. È troppo solo davanti? Gli ho avvicinato un giocatore, l’anno scorso ci si lamentava che non aveva Nainggolan dietro le spalle e invece ha trovato i gol anche nel 4-3-3″.

A supporto della difesa del compagno interviene Florenzi, seduto accanto l’allenatore in sala stampa: “Dzeko è entrato in due gol su tre nel derby. Fa la spizzata sull’1-0, fa a sportellate prima della punizione del raddoppio che prende Pellegrini. E nel primo tempo mi sono addormentato io quando mi ha dato quella palla”.

Leader irrinunciabili, come deve diventarlo Nzonzi, a maggior ragione nelle prossime partite dove non ci sarà l’infortunato De Rossi. “Steven è in grande crescita -assicura il tecnico – era venuto qua senza essersi mai alle-nato, l’errore più grande che a volte fanno i calciatori è pensare solo giocando le partite si possano fare buone prestazioni. L’esempio lampante è Santon: ha disputato due grandi gare senza scendere in campo prima, se non si fosse allenato bene non sarebbe stato possibile”. Stasera scatta l’ora di Kluivert, prima o poi arriverà il momento di Karsdorp, Luca Pellegrini e Coric. C’è bisogno di tutti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy