Roma, l’offerta allo United per Smalling: 3 milioni per il prestito e 14 per il riscatto

In nove mesi persi 126 milioni. Contatti continui con il Manchester United per il difensore inglese

di Redazione, @forzaroma

Continua a salire il rosso da record per il bilancio della Roma, che al 31 marzo tocca la cifra di 126,4 milioni di euro (29,5 alla stessa data del 2019). Ai sensi dell’articolo 2447 la società giallorossa ha preparato una relazione che ha lo scopo di fornire agli azionisti, convocati in assemblea per il 26 giugno, un’informativa in merito alla situazione economico, patrimoniale e finanziaria valutazioni effettuate dal cda relative ai provvedimenti da assumere per il ripianamento delle perdite. Nel documento – riporta “Il Tempo” – si fa presente che con una missiva datata 27 aprile 2020 As Roma SPV LLC ha confermato il proprio impegno a fornire alla società il supporto finanziario necessario per far fronte alle proprie obbligazioni di pagamento almeno sino al 31 dicembre 2020.

Cresce intanto l’ottimismo per una permanenza di Smalling. Nelle ultime settimane i colloqui tra i giallorossi Manchester United sono stati costanti soprattutto grazie alla volontà del difensore (le ultime dichiarazioni di Solskjaer non sono state per nulla gradite) di prolungare la propria esperienza italiana e di giocare ancora per Fonseca. La società di Trigoria – rappresentata in questa trattativa dall’ad Fienga – ha messo sul piatto un’offerta per un nuovo prestito oneroso di 3 milioni di euro a cui va aggiunto un obbligo di riscatto da esercitare nella prossima stagione di altri 14 milioni. La valutazione totale di Smalling, compresa dei 3 milioni di prestito pagati per questa stagione, arriva quindi a 20 milioni, una cifra che si avvicina sensibilmente alle richieste dei Red Devils. Sul fronte mercato non vengono interrotti i contatti con la Juventus, con la quale si sta ragionando su uno scambio. Paratici e Fienga si sono incontrati già due volte e stanno valutando tutti i possibili nomi da inserire nell’affare: a Vinovo apprezzano Cristante mentre a Trigoria piace Mandragora (su di lui anche Fiorentina e Milan), che sarà riacquistato dai bianconeri entro la prossima settimana per 26 milioni, che diventerà quindi il valore minimo per non fare una minusvalenza. A New York invece sono apparsi alcuni volantini di protesta nei confronti di Pallotta e di sostegno a Friedkin, recanti la frase “Friedkin, vogliamo te”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy