Roma aggrappata all’Europa League

«Giovedì mi aspetto una reazione e un segnale da parte vostra» tuona l’allenatore giallorosso in vista della sfida di Europa League contro la Fiorentina

di Redazione, @forzaroma

L’ultima spiaggia dove ripararsi, aspettando che torni il sereno. Per capire se la tempesta è destinata a proseguire basterà aspettare domani, quando la Roma si presenterà al Franchi per la sfida di andata con la Fiorentina (ritorno programamto tra una settimana all’Olimpico) negli ottavi di finale di Europa League.

L’ennesimo confronto andato in scena a Trigoria tra Garcia e la squadra è passato ormai nella consuetudine di un periodo nero che i giallorossi sono ormai costretti ad interrompere per evitare di avvicinarsi ulteriormente al fondo. Il tecnico lo ha ribadito all’interno dello spogliatoio: «Giovedì mi aspetto una reazione e un segnale da parte vostra», cercando di rimanere aggrappato ad uno degli obiettivi primari per salvare una stagione finora più che deludente. Domani sera a Firenze i giallorossi affronteranno per la prima volta i viola nel doppio impegno europeo: l’ultimo confronto di andata e ritorno tra le due formazioni risale ai quarti di finale di Coppa Italia nella stagione 2004-2005, dove la Roma guidata dal traghettatore Bruno Conti riuscì a conquistare la semifinale soltanto dopo i calci di rigore.

In Europa la storia recente ci riporta al 2005-2006, quando negli ottavi di finale dell’allora Coppa Uefa, la Roma alzò bandiera bianca di fronte agli inglesi del Middlesbrough. L’ultimo approdo ai quarti di finale risale addirittura al 1999, quando dopo aver superato il Zurigo, Zeman e i suoi ragazzi impattarono nel percorso contro l’arbitro Van Der Ende e l’Atletico di Jose Mari.

Ora nel derby tutto italiano, Garcia si troverà nuovamente di fronte a Montella, ancora stordito dalla terribile serata dell’Olimpico contro la Lazio in campionato. Due squadre che condividono debolezze, paure e il bisogno estremo di non registrare un ulteriore fallimento. Nei 10 precedenti (da quando è iniziata la sua carriera da allenatore) l’ex aeroplanino giallorosso è riuscito a vincerne soltanto uno, poco più di un mese fa all’Olimpico nei quarti di finale di Coppa Italia. Una partita decisa dalla doppietta di Mario Gomez, che domani a Firenze sarà costretto a guardare la gara dalla tribuna. Contro una formazione praticamente priva di scelte offensive (Gilardino e Diamanti sono rimasti fuori dalla lista Uefa) la Roma non potrà più permettersi di sbagliare, pungolata dal suo tecnico e dalle critiche incessanti che continuano a tenere banco nella capitale. Il francese ancora una volta è pronto a stravolgere la formazione che domenica scorsa non è riuscita ad andare oltre lo 0-0 con il Chievo al Bentegodi. In difesa torneranno Torosidis, Holebas e Yanga Mbiwa al fianco del sempre presente Manolas.

Aperto invece il ballottaggio tra De Rossi e Keita per l’ultimo posto sulla mediana insieme a Pjanic e Nainggolan (squalificato nella prossima sfida di campionato con la Sampdoria). Un impegno fondamentale in cui Garcia aspetta risposte definitive: al momento Gervinho, Iturbe e Ljajic scaldano i motori nel tridente offensivo in cui Totti, affaticato da una lunga serie di partite, è pronto a subentrare in corso d’opera. Ora, c’è bisogno di tutti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy