Roma, Pallotta for president

di Redazione, @forzaroma

(Il Tempo – M.De Santis) – James Pallotta diventa il nuovo presidente della Roma, il 23° della storia, numero fortunato anche dalle sue parti. Raccoglie formalmente il testimone da Thomas DiBenedetto, ma nei fatti lo aveva tra le mani da diversi mesi. Subito dopo l’acquisizione del club da parte del consorzio Usa, è stato proprio il ricchissimo James a guidare le fila del «progetto», affidando ai suoi uomini di riferimento (l’ad Mark Pannes in primis) la ristrutturazione di una società tuttora in modalità «work in progress». Sin dall’inizio si era pensato di nominare Pallotta presidente alla partenza della seconda stagione sportiva e così è stato. Una telefonata mattutina dall’America ha dato il via libera a una mossa che non era all’ordine del giorno del cda di ieri: i consiglieri, quasi tutti collegati in videoconferenza», hanno raccolto le dimissioni di DiBenedetto e votato all’unanimità l’elezione di Pallotta. Tom resta comunque nel cda e lascia anche il posto nel comitato esecutivo a Pannes, mentre Jim sale al vertice della piramide.

 

«È un grandissimo onore – ha commentato dall’America Pallotta, atteso nella Capitale a ottobre – per me assumere la carica di presidente della Roma. Non esiste club più speciale al mondo e io accetto la responsabilità di esserne custode e guidarlo con grande senso di umiltà e determinazione per costruire un’organizzazione di livello vincente sotto tutti gli aspetti». Una Roma sempre più grande, insomma, che sta per avvicinarsi in modo concreto al prossimo obiettivo: a inizio settembre, con lo sbarco di Pannes a Trigoria, verrà decisa di concerto con il Comune l’area dove costruire lo stadio. E se non fosse Tor Di Valle, zona che mette d’accordo un po’ tutti, sarebbe una grossa sorpresa. Intanto sta per essere lanciata per i piccoli azionisti la procedura per l’aumento di capitale (i 50 milioni della proprietà sono già in cassa grazie al finanziamento soci), un passaggio che a breve termine porterà all’uscita dalla Borsa. E DiBenedetto? Non lascia, almeno per adesso, la Roma, «ringrazia con tutto il cuore i tifosi» e spiega che «con il completamento del processo di acquisizione del Club e di una nuova struttura manageriale è arrivato il tempo perché una nuova leadership porti la società a crescere ulteriormente». D’altronde l’impegno economico e di uomini messo in campo da Pallotta è stato superiore da subito. Anche il socio Unicredit ha accolto come positiva la notizia, proprio perché vede più coinvolto il cosiddetto «socio forte» nella gestione della Roma. Sempre ieri è stato rinnovato l’accordo di consulenza con la Raptor Accelerator di Mark Pannes e lo stesso ad giallorosso ha commentato con entusiasmo l’elezione di Pallotta, parlando di una «nuova era» iniziata ieri. Intanto Baldini e Sabatini continuano a lavorare sul mercato. Il ds è volato a Milano per chiudere le ultime trattative. Sono stati riallacciati contatti con l’Eintracht per il terzino destro Jung su cui c’è anche il Napoli. Stekelenburg è stato tolto dal mercato ma il Tottenham non si arrende. Per il momento se ne va Bojan: si è trattato per tutta la notte il suo passaggio al Malaga via Barcellona con l’agente Lucci. Per la Roma un risparmio da quasi 3 milioni sull’ingaggio a cui potrebbero aggiungersene altri 5 se verrà rispettato l’accordo di un anno fa con il Barça, che prevedeva 17 milioni per il riscatto a fronte di una spesa di 12. Anche Borriello ha le valigie pronte: l’Inter si è fatta sotto e offre Julio Cesar in cambio ma la Roma aspetta Goicoechea. Su Osvaldo c’è la Juve ma non si tocca, Tallo viaggia verso Siena.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy