Politano-Spinazzola: lo scambio è cosa fatta

Politano-Spinazzola: lo scambio è cosa fatta

L’ex Primavera alle 9 a Fiumicino, poi le visite mediche e l’ufficialità

di Redazione, @forzaroma

Il primo acquisto del 2020 della Roma è Matteo Politano. Il mercato ideato nelle scorse settimane da Petrachi – che raggiungerà la squadra direttamente a Parma – ha preso un repentino cambio di direzione dopo il grave infortunio di Zaniolo e il ds è dovuto correre ai ripari per rinforzare il reparto offensivo, che fino al termine della stagione sarà privo di uno dei suoi punti di riferimento. Il dirigente di Lecce già da lunedì aveva impostato l’operazione con l’Inter per l’esterno d’attacco e nel tardo pomeriggio di ieri ha sistemato gli ultimi dettagli dell’affare, che prevede la partenza di Spinazzola in direzione Milano. La società di Pallotta – riporta “Il Tempo” – ha fissato per questa mattina alle 9.30 le visite mediche del classe 1993, cresciuto nel settore giovanile di Trigoria (e contentissimo di tornare) senza mai debuttare in prima squadra prima della cessione. L’operazione, portata avanti da Lippi e Pennacchi, agenti dei due giocatori coinvolti nello scambio, si chiuderà con un doppio trasferimento a titolo definitivo per 28 milioni di euro di valutazione data ad entrambi cartellini (plusvalenza di un milione e mezzo per la Roma e 10 per l’Inter). Politano in giallorosso guadagnerà circa due milioni a stagione compresi bonus, mentre Spinazzola – arrivato nella Capitale in estate per 29,5 milioni nello scambio con Luca Pellegrini e con un contratto rinnovato prima di ottobre fino al 2024 – manterrà l’ingaggio da 2,7 milioni annui.

La Roma è ora chiamata a sostituire il terzino di Foligno, un giocatore che era finito addirittura dietro a Santon e Florenzi nelle gerarchie sulla fascia destra ed era soltanto la riserva del titolare inamovibile a sinistra Kolarov. L’obiettivo numero uno di Petrachi è Barisic dei Glasgow Rangers, ma gli scozzesi hanno alzato un muro sulla cessione del laterale mancino, a cui vogliono rinnovare il contratto. Di certo sulle fasce di difesa non può bastare il ritorno di Bruno Peres, descritto in grande forma in questi giorni. Il ds non perde di vista neanche il colpo di prospettiva per il centrocampo, ma si è complicata la trattativa per Villar. L’Elche ha chiesto 7-8 milioni per cederlo e inoltre il Valencia ha comunicato di voler esercitare il diritto di prelazione per acquistarlo: il giovane spagnolo resterà in prestito all’Elche fino alla fine del campionato. Ieri sono invece arrivati in Italia gli agenti di Ibanez, che oggi saranno a Milano per decidere il decidere il destino del proprio assistito. Il Bologna è in netto vantaggio rispetto alla Roma e Sabatini in giornata proverà a chiudere l’operazione con i procuratori del brasiliano dopo aver già in pugno – come Petrachi – un accordo con l’Atalanta sulla base di un prestito con obbligo di riscatto tra 18 mesi da circa 10-11 milioni totali. Postilla finale per Defrel: il Sassuolo non ha intenzione di cederlo e la Roma attende che scatti l’obbligo di riscatto da 9 milioni (più 2 di bonus) dopo aver già incassato 3 milioni di prestito oneroso.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy