Petrachi: “Volevo solo cacciare le spie”

Il diesse è tornato a parlare, alla sua maniera: “Mi sono ritrovato solo contro tutti”

di Redazione, @forzaroma

Dalla raccomandata in cui gli veniva comunicato il licenziamento sono passati quasi due mesi e, dopo un lungo periodo di silenzio, Gianluca Petrachi è tornato a parlare della Roma. Alla sua maniera, scrive Il Tempo.

La separazione con l’ex direttore sportivo ha lasciata dietro di sé strascichi pesanti – il dirigente ha impugnato il provvedimento del club e ha deciso di portare la questione davanti alla sezione lavoro del Tribunale di Roma – e in una lettera all’Ansa è il diesse in prima persona a vuotare il sacco e a lanciare una serie d’accuse pesanti nei confronti di quasi tutti i protagonisti del mondo Roma, in particolare verso la proprietà guidata da Pallotta: “Quando ho tentato di alzare un muro, di mettere uno scudo a difesa del gruppo, mi sono ritrovato solo contro tutti. Sono stato abbandonato da una proprietà troppo distante da Roma, dalla Roma e dai tifosi. Sono stato lasciato solo a combattere una lotta che non potevo portare avanti senza supporto. Avevo chiesto – prosegue Petrachi – di allontanare gli elementi che violavano i segreti dello spogliatoio e del campo o, ancor peggio, che minavano i rapporti interni. Come quando inventarono un litigio trame e Dzeko. Quegli stessi elementi che, lavorando nel gruppo, avrebbero dovuto dimostrare fedeltà alla causa della Roma, rispettando il sacro silenzio dello spogliatoio, e che, invece, hanno preferito rendere pubblico l’esperimento della difesa a 3 deciso da Fonseca, oppure l’infortunio di Pellegrini. Evidentemente ho sbagliato io quando ho chiesto alla proprietà di eliminare questi elementi”.

Petrachi ha poi fatto l’”in bocca al lupo” ai Friedkin e ha svelato che la rottura con Pallotta è arrivata ben prima del famoso sms scritto dopo l’intervista di maggio del presidente di Boston: “Già a gennaio, a fronte di un programma di ulteriore ridimensionamento ordinato dal presidente, ho capito che non sarebbe stato semplice realizzare il progetto triennale che mi era stato affidato. Fino ad allora ho potuto operare in modo efficace. Mi è stato fatto pagare un conto esagerato solo per aver difeso la Roma dentro e fuori dal campo, facendo solo gli interessi della squadra. Resterò orgoglioso del lavoro svolto”.

Tornando all’attualità di mercato non si è ancora sbloccato il valzer degli attaccanti, anche perché ieri non è andato in scena l’incontro tra De Laurentiis e Ramadani, agente di Under, che ha però avuto un contatto con il ds del Napoli Giuntoli. Il procuratore ha registrato un sondaggio dell’Herta Berlino per l’esterno turco e vorrebbe inserire nello scambio con Milik anche Maksimovic, che ha come il polacco il contratto in scadenza. Restano in stand-by le cessioni di Jesus – il Genoa non si è fatto avanti in maniera concreta – e Perotti, che piace e non poco al Fenerbahce. Ci vorrà ancora del tempo per capire il destino della trattativa per Florenzi all’Everton, mentre c’è più fiducia per il trasferimento di Fazio al Cagliari. Domani si può sbloccare la situazione di Schick: se anche il secondo tampone sarà negativo partirà per Leverkusen per svolgere le visite mediche e firmare con il Bayer.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy