Passato, presente, futuro (chissà…) e coincidenze.

di Redazione, @forzaroma

(Il Tempo – M.De Santis) – La storia del ritorno all’Olimpico, da allenatore avversario, di Vincenzo Montella e di questo Roma-Catania non può non partire da un fatto strano.

Da un altro Catania-Roma, giocato 356 giorni prima di quello di domani sera e sempre alla penultima giornata di campionato. Allora sulla panchina di una Roma, un po’ come ora, alla disperata ricerca di punti per l’Europa c’era Montella e su quella del Catania era seduto Diego Pablo Simeone, diventato sei mesi più tardi allenatore di quell’Atletico Madrid che aveva messo gli occhi su Luis Enrique molto prima che venisse segnalato a Franco Baldini. La partità finì 2-1 in rimonta per gli etnei (reti di Loria, Bergessio e Gomez) e segnò i destini di quella e di questa Roma.

Quel non proprio clamoroso ko al Cibali fu una sorta di prima pietra per la costruzione, nel bene e nel male, della Roma di adesso. Le conseguenze furono soprattutto due: l’addio nelle teste di Baldini e Sabatini all’idea di poter lasciare Montella in panchina e la convinzione che a prendere il suo posto doveva essere un tecnico nuovo con idee nuove per dare un segnale di discontinuità. […]

«Se fossi stato eliminato dall’Europa League al preliminare e avessi fatto due punti in altrettante partite in campionato – disse Montella, togliendosi qualche sassolino dalle scarpe, a ottobre – probabilmente mi avrebbero rimandato a fare il commentatore televisivo». Da quel momento in poi, ad onor del vero, le parole dell’Aeroplanino per il collega asturiano sono sempre state dolci come il miele. «Stimo molto Luis Enrique e sono convinto che alla fine la sua coerenza lo ripagherà», le ultime sull’argomento datate neanche una settimana fa. Domani, però, sarà più una serata di sentimenti che di parole. Il ritorno a casa dell’Aeroplanino non può passare inosservato, lasciare indifferenti e muovere le coscienze. Il passato, in fondo, non si può dimenticare: dieci anni, intervallati da sei mesi in prestito al Fulham e un anno alla Samp, con la maglia della Roma, uno sulla panchina dei Giovanissimi e quattro mesi su quella della prima squadra. 102 reti segnate[…]

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy