Parte la variante per lo stadio

Salvo intoppi sarà giovedì 12 aprile il momento in cui si azionerà il cronometro per segnare tre volte 30 giorni

di Redazione, @forzaroma

La data prescelta per l’avvio dell’iter di approvazione della variante urbanistica per il progetto della Roma di costruire il suo stadio a Tor di Valle, scrive Il Tempo, sembra quasi del tutto definita: il 12 aprile. Salvo intoppi, sarà proprio dopodomani, giovedì, il momento in cui si azionerà il cronometro per segnare tre volte 30 giorni: i primi di pubblicazione degli atti, i secondi per consentire a cittadini, associazioni e comitati di presentare le osservazioni al progetto e gli ultimi 30 per gli uffici comunali, necessari a predisporre l’istruttoria su ogni singola osservazione. Termine che, quindi, si concluderà mercoledì 11 luglio.

Da quel momento, il progetto entrerà nella fase di voto: calendarizzazione, discussione e voto su ogni singola osservazione presentata e, quindi, la votazione finale.

In queste ore sono in corso febbrili contatti fra gli uffici capitolini e quelli regionali: per arrivare a pubblicare gli atti giovedì è necessario che il Campidoglio acquisisca sulla sua piattaforma informatica gli atti ufficiali utilizzati in Conferenza di Servizi. Anche se, a suo tempo, la Roma consegnò doppia copia delle 55mila pagine del progetto sia in Regione che in Comune, per la correttezza dell’iter è necessario che gli atti pubblicati siano quelli “timbrati e autenticati” in Conferenza. Sono già stati tutti scansionati e resi leggibili da un qualunque computer, ma questo passaggio informatico di dati richiede tempo per organizzare un’apposita sezione sul sito web del Campidoglio. C’è ottimismo per chiudere questo lavoro in tempo utile.

Anche perché la pubblicazione di tutto il dossier – 72 scatoloni di carte, lunghe 25 chilometri: come andare a piedi dal Campidoglio a Ostia passeggiando solo su tavole e relazioni – non sarà cartacea ma avverrà solo sull’albo pretorio online. Quindi, a meno che non ci siano problemi tecnici (in quel caso sarebbe tuttavia un ritardo di pochissimo tempo), giovedì troveremo gli spazi di legge sui principali quotidiani in cui si annuncia l’avvio dell’iter e si indicherà il link dove visionare il materiale.

Intanto si precisano un po’ meglio anche gli altri passaggi: mentre si attendono le scadenze di legge obbligate per la variante urbanistica, proponenti e Campidoglio lavoreranno al testo della Convenzione urbanistica, con l’obiettivo dichiarato di arrivare a votare in Consiglio comunale allo stesso momento sia la variante che la Convenzione. Subito dopo il voto, le carte della variante saranno trasmesse in Regione, dove gli uffici dell’Urbanistica regionale avranno 30 giorni di tempo per predisporre l’atto formale di conclusione del procedimento. Unito all’intero dossier, verrà poi adottato dalla Giunta con una propria delibera che sancirà la variazione della destinazione urbanistica dei terreni di Tor di Valle sulle mappe catastali del Campidoglio. Regione e Comune stanno lavorando per utilizzare proprio quella finestra di 30 giorni (tra l’altro coincidente con i tempi tecnici per far entrare in vigore la Convenzione urbanistica) per fare l’ultimo controllo sulle carte: spedire, sfruttando anche l’eventuale silenzio/assenso, a tutti gli enti coinvolti nell’intero processo un cd con le carte e chiedere una verifica sull’accoglimento effettivo nel progetto finale delle diverse prescrizioni.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fernandomattiacc_339 - 3 anni fa

    Questo è un esempio per cui nessuno viene ad investire in Italia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy