Panucci: un'emozione unica «Non dimenticherò mai quel pallonetto di Totti a Peruzzi»

di Redazione, @forzaroma

(Il Tempo – A.Serafini) – Approdato nell’anno del secondo scudetto giallorosso, Christian Panucci ha indossato la maglia della Roma per otto stagioni.Il suo score da romanista parla di 229 presenze e 20 reti tra campionato e coppe.

Dopo l’avventura al Milan, è stato il primo calciatore italiano in assoluto ad essere ingaggiato dal Real Madrid. Panucci, quindi, è uno che di derby e della Roma alla «spagnola» può parlarne con cognizione di causa. Qual è il primo ricordo che le viene in mente quando si parla di derby? «Il pallonetto di Totti a Peruzzi in quel 1-5 storico. Se ci ripenso mi vengono i brividi».

È stato il suo derby più bello? «Si, è stato fantastico. Ne ho giocati tanti ma quello è stato il più emozionante».

Ci racconta un aneddoto legato a quella sera? «Ricordo la corsa di Lima verso Montella dopo il quarto gol. Era così contento che lo colpì un pugno sull’occhio. Lo costrinse a uscire (ride ndr)».

La settimana d’avvicinamento alla partita è più una carica o un peso? «Dipende dal carattere che hai. Io mi caricavo». (…)

Due città con diversi modi di interpretare il calcio? «Il derby della Capitale è unico, si vive dal lunedì alla domenica. I tifosi ti trasmettono qualcosa che da altre parti non si avverte. A Milano dura novanta minuti».

E questo cosa comporta? «Che devi vincere non solo per la squadra ma anche per i tifosi».

C’è un episodio in particolare che ti ha legato fortemente a questa città? «Ho visto gente piangere dopo una vittoria, è l’unico posto al mondo dove questo evento ti sposta l’umore di tutta la città».

Compresi gli sfottò? «Ma scherzi? Io mi divertivo troppo a sentire e a vedere quello che succedeva in città. Ogni romanista ha un amico laziale, se presa nel modo giusto diventa quasi una necessità. Anzi io avrei anche un’idea». (…)

Come arriva la Roma di Luis Enrique a questa partita? «Non nel migliore dei modi. Ci arriva singhiozzando e questo crea ulteriore ansia nei tifosi».

Darebbe un particolare consiglio a Totti e De Rossi? «No, loro sono il derby stesso. Se sei romano lo senti di più, ma col tempo si matura l’esperienza anche in questo».

Pronostico e uomo derby? «Nessun pronostico, ma non voglio essere banale, dico Stekelenburg».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy