Pallotta-Friedkin alla resa dei conti

Pallotta-Friedkin alla resa dei conti

L’unica pista concretamente alternativa al texano sembra rappresentata da un fondo del Kuwait

di Redazione, @forzaroma

Sarà un agosto di fuoco peri tifosi della Roma. E non soltanto per il grande caldo che ha colpito la Capitale. Negli ultimi giorni Pallotta, coadiuvato da Goldman Sachs, ha iniziato la sua personale partita a poker con tutti i possibili pretendenti interessati a rilevare la Roma, in primis Friedkin. L’input arrivato ai legali di entrambe le parti in trattativa sull’asse Boston-Houston è quello di preparare tutti i documenti necessari ad una rapida chiusura, possibilmente già prima di Ferragosto. L’ultima offerta al ribasso del magnate nato a San Diego – che assegna alla Roma una valutazione complessiva da 490 milioni di euro – non è stata mai “ufficializzata” e Pallotta vuole che dal Texas mettano tutto nero su bianco, magari anche per mettere pressione agli altri investitori che stanno guardando i documenti del club all’interno della data room. L’unica pista concretamente alternativa a Friedkin – riporta “Il Tempo” – sembra rappresentata da un fondo del Kuwait (non è noto se si tratti di quello sovrano o meno), a cui è stata dato un ultimatum: fonti finanziarie parlano di un’offerta non vincolante già presentata, ma per Pallotta bisogna passare dalle parole ai fatti prima del 10 agosto.

La certezza di questa partita, tra rilanci e bluff, è che sarà un’altra proprietà a completare l’aumento di capitale da concludere entro il 31 dicembre. Sul fronte sponsor Adidas e Under Armour sembrano uscire dalla corsa per sostituire Nike: i dirigenti di Trigoria stanno trattando in particolare con la Umbro (sarebbe l’unica partnership con una squadra di serie A) e con la Puma, che in Italia ha già un accordo con il Milan.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy