Nella Roma rientra l’emergenza Covid

Tutti negativi i calciatori e primo allenamento con Fonseca

di Redazione, @forzaroma

Rientra l’allarme Covid-19 a Trigoria e sono finalmente partite le danze per l’inizio della nuova stagione. Ieri mattina tutti i giocatori della rosa e lo staff tecnico sono stati sottoposti ad un altro tampone dopo quello effettuato giovedì e l’esito è stato più che confortante: tutti i test sono risultati negativi.

All’interno della Roma – riporta “Il Tempo” – era sorta un po’ di paura a seguito delle quattro positività registrate negli ultimi giorni, ma fortunatamente è filato tutto liscio e Fonseca ha potuto dirigere la prima seduta di allenamento dell’annata 2020/21. Tutti presenti e a disposizione nel centro sportivo ad eccezione dei calciatori contagiati e di Pastore, alle prese con la riabilitazione all’anca che sta svolgendo in Spagna (fisioterapia a Trigoria per Pedro). Regolarmente in gruppo anche Kolarov, coinvolto in una trattativa di mercato: per chiudere l’affare con l’Inter non manca molto, ma serviranno ancora un paio di giorni per trovare la quadra definitiva, con la fumata bianca che arriverà mentre il serbo sarà impegnato in nazionale.

Sarà necessario un po’ più di tempo invece per sciogliere la matassa dell’operazione che riguarda Roma, Napoli e Juventus. Aurelio De Laurentiis è parecchio contrariato per il contatto telefonico che c’è stato tra Pirlo e Milik il nuovo allenatore juventino ha sentito personalmente anche Dzeko e Suarez e si sta impuntando su una valutazione altissima da assegnare al polacco, la cui mancata cessione bloccherebbe tutto. Il presidente dei partenopei nelle prossime ore avrà un contatto con Pantak, agente del centravanti ex Ajax, che potrebbe fargli abbassare le pretese, al momento fissate per la Roma ad una richiesta di un conguaglio di 20 milioni oltre al cartellino di Under e Riccardi. Fienga non è minimamente intenzionato ad accontentare la controparte e toccherà agli intermediari risolvere la situazione di stallo, anche perché Under ha già l’accordo con gli azzurri e dall’entourage di Riccardi viene seccamente smentita l’ipotesi di un rifiuto ad un trasferimento in Campania.

Resta in attesa anche Dzeko, con il quale la Juventus ha già trovato un’intesa per uno stipendio da 7,5 milioni netti annui per le prossime due stagioni. Per ora ognuna delle tre società cerca di ricavare il massimo da ogni giocatore e servirà quindi uno sforzo da parte di tutti affinché i negoziati vadano in porto. Va a fare esperienza il giovane attaccante D’Orazio: De Sanctis lo ha piazzato in prestito secco al Feralpisalò (Serie C).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy