Macumbe e sfottò è un derby infinito

di Redazione, @forzaroma

(Il Tempo – E.Menghi) Un Lotito in stile Alberto Sordi è riuscito a far scomporre addirittura il dg giallorosso Baldissoni,a furia di battute su maghi e stregoni. Perché, a quanto pare, il presidente della Lazio sembra crederci veramente: «A Baldissò, hai visto? Maghi e macumbe alla fine vi si ritorcono contro. Nella città eterna della Santa Romana Chiesa, queste cose vengono punite. Non a caso ci sono gli esorcisti». L’erede di Baldini alla Roma prima sorride, poi risponde incredulo: «Non dirmi che ci credi veramente! Non dirmi che hai messo tu in giro questa storia dei maghi e degli stregoni».

 

 

Aveva smentito dopo le prime dichiarazioni che volevano cinque maghi ingaggiati da Pallotta per far vincere la Roma, ma Lotito ci ha preso gusto: «Da una settimana mi chiamano al cellulare da numeri anonimi, forse sono le radio romaniste. L’ultimo mi fa: “So Sant’Ignazio il protettore della Lazio”. Ho replicato: “E io so frate Geppetto quello che…”». Il resto non si può scrivere.

 

 

Fuori dalla sala Buzzati, dove si erano radunati presidenti e dirigenti per il Premio Facchetti, c’è stata una risata collettiva e pure Baldissoni si è lasciato andare: «Volevamo cambiare anche la classifica, Roma 45 e Lazio 0, poi ci abbiamo ripensato». Una frecciatina che Lotito ha subito rigirato al dg romanista: «Aspetta a ride che il campionato è lungo. E comunque state lavorando bene, perché i dirigenti sono preparati: non a caso si dice che Fenucci, Sabatini, ma anche Baldissoni, siano tutti tifosi della Lazio».

 

Questa provocazione non è gli è andata giù al dg romano, che rivendica la sua fede giallorossa: «Qui ti sbagli di grosso. Ho 14 anni di tessera in Curva Sud, sono della Roma da quando ero ragazzino, hai informatori disattenti». Baldissoni è uscito di scena e Lotito ha continuato lo show senza di lui, lasciando in pace i maghi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy