Le fake news di Berdini sullo stadio della Roma

L’ex assessore grillino: “Spero non venga costruito”. Ma le sue teorie si scontrano con le leggi: ecco il fact checking

di Redazione, @forzaroma

Non bastasse il libro da poco pubblicato, l’ex assessore all’Urbanistica della Giunta Raggi, Paolo Berdini, torna a parlare del progetto Stadio della Roma di Tor di Valle. In questo caso, dai microfoni di Centro Suono Sport. Ecco il fact checking de iltempo.it:

Queste le sue parole: Perché l’area Tor di Valle per il M5S prima non andava bene e ora invece è idonea? Lei è contro lo stadio della Roma?
“L’amministratore pubblico applica le leggi dello Stato. Io non sono contrario alla costruzione dello stadio, e negli incontri con la Roma ho proposto altri siti perché quell’area era sbagliata. La risposta è stata sconcertante, perché mi dissero che quell’area era stata validata dal Comune”.

FACT CHECKING: Quindi, Berdini prima parla dell’applicazione delle leggi dello Stato, poi dichiara candidamente di ignorarle: quando propone una localizzazione alternativa, o ignora o finge di ignorare che la legge 147/2013 (“legge Stadi”) assegna al privato l’incombenza di scegliere l’area dove realizzare l’intervento. E al Comune di assentire o dissentire. Cosa ci sia di “sconcertante” nel fatto che il Comune aveva dato il suo OK con la Delibera Marino, Berdini dovrebbe chiarirlo meglio.

Quella delibera diceva che almeno il 50% degli utenti dovevano essere serviti dei servizi di trasporto, ma lo sfioccamento della metropolitana era impossibile.
“Io da tifoso della Roma voglio lo stadio, ma in altri luoghi come hanno fatto la Juventus e l’Udinese. Tor di Valle è il deserto, se invece lo stadio venisse fatto verso Tor Vergata o la Romanina, i cittadini potrebbero beneficiare delle strutture del progetto. Io sono stato messo nella condizione di non poter manovrare”.

FACT CHECKING: Tralasciando precedenti incarichi di Berdini proprio con società costruttrici operanti in quella zona, e l’ostinazione sulle aree alternative il parallelo con la Juventus è fuorviante. I bianconeri hanno ottenuto dal Comune di Torino, a un prezzo decisamente non proprio esoso, il terreno dello Stadio e dove, proprio in questi mesi, stanno in trattative per costruire un allargamento del tutto in modo analogo a quanto proposto dalla Roma.

Si farà lo stadio?
Mi auguro che non venga costruito. Nel progetto che io ho avuto l’onere e il piacere di visionare c’era all’interno del pacchetto delle opere una spesa a carico nostro di 7 milioni di euro per le pompe idrovore. Quando piove l’area di Tor di Valle si riempie perché è un bacino: è normale costruire su quel terreno? Io mi auguro che non venga scelta questa area scellerata che mettere a rischio l’incolumità dei cittadini.

FACT CHECKING: La storia delle pompe idrovore è un’altra “perla” visto che rientrano nell’elenco delle opere a standard. Vale a dire quelle che qualunque costruttore è obbligato a fare per legge, in modo analogo a parcheggi, verde, fogne, illuminazione. Quindi il Comune non paga assolutamente nulla. Era così con la versione Marino del progetto ed è ancora così con la versione Raggi. Per di più, Tor di Valle non si è mai allagata: non c’è traccia, ad esempio, di una sola corsa di cavalli sospesa o rinviata per impraticabilità della pista. Torri dell’Eur, Città dei Giovani, Mercati Generali, Stadio, Fiera di Roma, Caserme di Guido Reni, Uci Cinema Fermi, l’elenco dei progetti toccati da Berdini è infinito. Come infiniti rischiano di essere i miliardi di euro che potrebbero abbattersi sulle casse del Campidoglio per i vari ricorsi, alcuni dei quali già in stato assai avanzato. Chiedere a Montuori e all’avvocatura capitolina per chiarimenti e delucidazioni.

La figura di Lanzalone?
L’avvocato Lanzalone – consulente per l’amministrazione – ha chiuso la trattativa con la Roma alle mie spalle, convincendo il Movimento che era contro lo stadio. Per questo ho lasciato l’amministrazione Raggi, perché mi avevano messo da parte. Non capisco come abbiano cambiato idea nel giro di nove mesi. Noi stiamo costruendo un quartiere in una zona dove non c’è interesse pubblico a fare il ponte non inserito nel progetto.

FACT CHECKING: No, lui ha lasciato l’Amministrazione Comunale perché il sindaco, Virginia Raggi, in un sussulto d’orgoglio l’ha cacciato dopo l’intervista rilasciata al collega de La Stampa, Federico Capurso. Uno scandalo che Berdini ha tentato in ogni modo di negare, arrivando ad accusare il collega pur di salvarsi.

Il ponte dei Congressi?
È un’opera fondamentale dal mio punto di vista. Mi sono attivato per sbloccarlo. Per salvare l’abusivismo, lo sfiocchiamo facendo un grande anello. Centoquaranta milioni nostri per costruire questo ponte.

FACT CHECKING: Il ponte dei Congressi è stato sbloccato da Renzi con lo Sblocca Italia. Era la fine del 2015. Berdini all’epoca faceva altro. Ed è un’opera inutile, nata vecchia come pensiero (risale all’inizio degli anni 2000) che non risolverà il nodo traffico di quel quadrante – forse potrà a mala pena alleggerirlo – e che manca della progettazione e del finanziamento relativo alla viabilità accessoria. E che non servirà allo Stadio, visto che all’uscita il Ponte dei Congressi sarà contro mano.

Il ponte di Traiano?
Vedremo se il ponte non serve. La Roma dovrà dire agli organi dello Stato che non servirà e che verrà garantita comunque l’incolumità dei tifosi e dei cittadini.

FACT CHECKING: Veramente è il Comune che deve dirlo, non la Roma. L’”osservazione B7” del verbale finale della Conferenza dei Servizi pone in capo al Comune la scelta se fare il ponte di Traiano oppure no. In questo caso, però, il Campidoglio dovrà garantire che gli effetti che il Ponte avrebbe sortito, siano garantiti da altri interventi. Che il Campidoglio non sa quali possono essere e che, quindi, stanno bloccando – con la motivazione (fondata) della mancanza di un impegno inderogabile del Governo a finanziare l’opera – il processo di adozione della variante urbanistica.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. 00sapiente00 - 3 anni fa

    1) La legge 147/13 prevede che il comune prima valuti aree nella sua disponibilità, cosa non fatta.
    Tor di Valle è stata proposta dai privati perché si estende per 100 ettari e poteva contenere lo sciagurato milione di metri cubi privati ad uffici, che non c’entra nulla con lo stadio.
    Per lo stadio erano state selezionate dall’Advisor almeno due aree più idonee.

    2) L’area di Tor di Valle è sotto battente, cioè non può scaricare naturalmente nel Tevere ma anzi se non ci fossero gli argini avverrebbe esattamente il contrario. L’impianto di sollevamento con le pompe idrovore è quindi un’opera edilizia a carico del privato. Nell’area di Tor di Valle pass il fosso di Vallerano che è un’acqua pubblica e che ha fatto classificare parte dell’area R3 e quindi inedificabile.
    In caso di piena il fosso non può scaricare nel Tevere ed esonda, a meno che non vegano fatte opere di sollevamento con ulteriori idrovore che, trattandosi di acqua pubblica, diventeranno proprietà del Comune, compresi i costi di gestione, ecc.

    3) Qualsiasi opera pubblica nasce vecchia ed il Ponte dei Congressi è stato concepito per chiudere l’anello della Palmiro Togliatti, con il famoso tunnel sotto il parco dell’Appia Antica a Tor Marancio, ora abbandonato.

    4) Il Ponte di Traiano è stato proposto dai proponenti fin dal primo progetto quando si dovevano costruire solo case, ed è quindi una urbanizzazione primaria, per legge a carico dei privati.
    In questo caso o si trova un’alternativa sempre a carico dei privati o il Comune non approva la proposta o chiede che venga diminuito il carico urbanistico.
    Nel nostro caso il carico urbanistico è stato aumentato e il Ponte di Traiano non sarà fatto. A parte chiacchiere e telefonate.
    In conclusione l’unico modo per approvare una proposta così strampalata sarebbe un decreto legge.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. antonio.lucentin_265 - 3 anni fa

    Mi perdoni, ma è la solita guerra tra attori radiofonici e di stampa. Mi piacerebbe sapere cosa pensano i tifosi della Roma su altre scelte Raghi 5s…sullo stadio arriva anche lei a fare un fact checking che è spesso infarcito di soggettivismi più che di fatti documentali che smaschererebbero menzogne. Tutta la storia di questa gestione della AS Roma è francamente poco sportiva e difficilmente difendibile ivi inclusa necessariamente la pratica dello stadio che è la vera anima della gestione stessa. Io ho votato Raggi per non credibilità degli altri candidati, ma trovo che Olimpiadi e stadio si dovessero e si debbano fare. Ma il suo teorico fact checking svela per l’ennesima volta un livello di attenzione molto basso in realtà verso le sorti di Roma innanzitutto ma anche della Roma che dai suoi sfruttatori sta per essere asciugata come un pezzo di manzo bollito

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy