La Roma ora ci crede

La Roma ora ci crede

Dopo la vittoria di sabato scorso contro la Sampdoria, i giallorossi ripartono per la corsa al quarto posto

di Redazione, @forzaroma

La scena più significativa a Marassi arriva dopo il fischio finale: i giocatori si abbracciano fra loro, si incitano, De Rossi si divide tra i compagni e i tifosi festanti nel settore ospiti, a cui rivolge un bellissimo urlo da condottiero. La Roma si è riaccesa e ritrovata in una notte a Genova. La domenica giallorossa è stata ancora più bella del sabato, che aveva già portato il distacco dal Torino, tre punti recuperati al Milan e un -1 dal quarto posto: il pari di San Siro tra Inter e Atalanta e quello inatteso della Lazio in casa col Sassuolo consentono a De Rossi e soci di guadagnare in un colpo solo punti su tutte le rivali per la Champions e l’Europa League. Una corsa che la Roma annichilita da Spal e Napoli non sembrava neppure in grado di affrontare e invece ora, all’improvviso, si ritrova a sei punti dall’Inter terza, con la prospettiva di uno scontro diretto da affrontare a Milano fra due settimane, il sabato di Pasqua. Come riporta Il Tempo, è quella la sfida teoricamente più dura nel cammino finale di Ranieri, c’è anche la Juventus alla terzultima ma i bianconeri, quella sera, saranno campioni d’Italia già da un pezzo e forse ancora impegnati in Champions. Le altre avversarie si chiamano Udinese, CagliariGenoaSassuolo e Parma, in tutto quattro partite all’Olimpico e tre in trasferta, insomma c’è di peggio ma la Roma di quest’anno non dà la minima garanzia. I progressi nelle ultime due gare si sono visti, soprattutto nell’unità d’intenti e nello spirito, ma di problemi ne restano diversi. A cominciare dagli infortuni: a Marassi Karsdorp si è procurato una lesione al flessore che gli farà saltare almeno le prossime due partite. Si tratta del 44° infortunio muscolare della stagione, numeri ai confini della realtà. E considerata la squalifica in arrivo per Kolarov, il recupero non ultimato di Florenzi e lo stop di Santon, che tornerà disponibile solo a inizio maggio, Ranieri al momento non ha terzini da schierare contro l’Udinese. Chiederà uno sforzo all’esterno di Vitinia, atteso in gruppo a metà settimana per testare le condizioni del polpaccio lesionato in nazionale. Dovrebbero recuperare Perotti e Pastore almeno per la panchina, El Shaarawy è pronto a riprendersi il posto dal l’ mentre va valutata la condizione di Under: ai postumi della lesione muscolare si è aggiunta una fastidiosa lombalgia che gli ha impedito di giocare con la Samp.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy