La Roma dei due mondi accoglie lo sceicco

di finconsadmin

(Il Tempo – A.Austini) – C?? anche una firma: la Roma dei due mondi, met? americana e met? araba, ? gi? realt?. Scoperti i veli, da ieri l?operazione ? diventata ufficiale. Un?accelerazione improvvisa che conferma le anticipazioni svelate negli ultimi tre giorni.

Il primo a uscire allo scoperto ? stato lo sceicco, poi ? arrivato il comunicato sul sito del club, richiesto dalla Consob e a quel punto obbligato. Alle 21.30 ? stato annunciato l?accordo preliminare firmato tra il consorzio Usa guidato da Pallotta e il ricchissimo giordano Adnan Adel Aref al Qaddumi al Shtewi ?per il suo ingresso, diretto o indiretto, nella compagine societaria – si legge nella nota richiesta dalla Consob – che detiene la partecipazione di controllo di NEEP Roma Holding SpA?. Ovvero la societ? che controlla il 78% delle azioni del club, attualmente guidata al 60% dagli americani e al 40% da Unicredit. Ma l?ingresso dello sceicco avviene a livello superiore, nella As Roma SPV LLC, la societ? costituita dagli americani nel 2011 per l?operazione giallorossa e firmataria del comunicato di ieri.[…] Adesso, infatti, si attendono le garanzie bancarie. […]

 

Ma stavolta ?? una trattativa molto seria con basi solide? assicura all?AdnKronos di Pippo Marra l?entourage del finanziere giordano, uomo d?affari nato in Palestina a Nablus nel 1959, di nazionalit? giordana e cittadino italiano da 25 anni: si divide tra Roma (dove ? tornato ieri) e l?Umbria, ha investito fortune nel Belpaese nel petrolio e non solo[…]

 

L?ultimo affare (si parla di un investimento complessivo di 100 milioni di euro tra acquisto quote e contributo alla ricapitalizzazione) deriva dalla sua grande passione per il calcio, soprattutto quando in campo ci sono maglie giallorosse: ? stato pi? volte allo stadio Olimpico, l?ultima per assistere a Roma-Juventus e ci torner? il 3 marzo per la gara col Genoa, pronto alla prima apparizione da co-proprietario in pectore. Pallotta & Co. sono convinti che si tratti dell?uomo giusto per aumentare il valore della Roma e del suo marchio, con nuovi investimenti permessi dal prossimo aumento di capitale, superiore ai programmi iniziali grazie ai soldi dell?arabo, e dalle partnership nel mondo orientale. ?Tale potenziale ingresso – si legge ancora nel comunicato – risponde alla gi? annunciata strategia di espansione delle attivit? commerciali della controllata AS Roma SpA in nuovi mercati e con nuovi investitori, e potrebbe portare ad un aumento del capitale sociale di NEEP Roma Holding SpA e AS Roma SpA in misura maggiore a quanto determinato nei patti parasociali esistenti (massimo di 80 milioni, ndr) e nelle delibere assembleari gi? assunte e comunicate al mercato, con conseguente possibile rideterminazione delle partecipazioni tra gli attuali soci di NEEP Roma Holding SpA e modifica dei patti stessi?.

Lo scenario ? gi? delineato: dopo aver versato 20 milioni nelle casse della Roma lo scorso anno, Unicredit non parteciper? ulteriormente all?aumento di capitale e per questo la sua quota diminuir?. L?obiettivo della banca a medio termine ? il disimpegno totale ?ma allo stato – chiude la nota – non risultano informazioni relative alla possibile acquisizione da parte dell?imprenditore Luca Parnasi di parte della quota detenuta da Unicredit?. […]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy