La fiducia piena della società non basta allo spagnolo

di Redazione, @forzaroma

(Il Tempo – G. Giubilo) – Soltanto il suicidio, o almeno il pesante autolesionismo di una delle componenti del quartetto allineato in terza posizione, potrebbe favorire un aggancio insperabile all’Europa League.

Ma intanto la Roma è obbligata a metterci del suo, a partire dalla complessa sfida di oggi a Verona: il Chievo già al sicuro non ha finora elargito cortesi omaggi, considerando che l’incruento pari bianco contro il Cagliari era in trasferta, e sia pure a due passi da casa. Ma quando si parla della Roma futura, gli interrogativi sono legati alla volontà di Luis Enrique, che dice di avere preso le sue decisioni, senza volerle anticipare. Dopo che Baldini si era chiaramente esposto nel garantire la conferma dello spagnolo in panchina, la società gli rinnova la fiducia, da verificare se il tecnico avrà la voglia di accettarla. Tanto per cambiare, qualche problema di formazione, Stekelenburg ha male a una spalla, si teme la sindrome dell’Europeo. Difesa ancora improvvisata, almeno torna De Rossi. Stasera il Napoli può staccarsi dai rivali, ma domani l’Udinese non avrà compito proibitivo a Cesena, maggiori insidie per l’Inter a Parma. Il calendario potrebbe dare una mano alla Lazio, in casa contro un Siena poco motivato, il guaio per Reja è l’ulteriore decimazione dell’organico. Squalifiche pesanti per un episodio segnato da un errore regolamentare, ma la consapevolezza che la partita fosse già persa doveva consigliare meno isteriche reazioni. […]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy