Il pragmatismo di Andreazzoli e quell?abbraccio simbolico

di finconsadmin

(Il Tempo – G.Giubilo) Le aveva sperimentate tutte, la Roma, le avventure simili agli sport estremi, dalla pallanuoto di Parma e del derby, al porto delle nebbie di Verona, mancava soltanto l’hockey su ghiaccio. Ma stavolta Andreazzoli e i suoi fedeli discepoli sono stati pi? forti dei capricci meteorologici, la vittoria di Bergamo ha dato un seguito incoraggiante all’impresa ai danni della capolista. Non si muove in modo significativo la classifica, per? i segnali sono pi? che positivi.

 

L’abbraccio corale a fine partita fra tutti gli interpreti, panchina compresa, testimonia una ritrovata unit? di intenti, quelli che l’era dell’utopia aveva cancellato, almeno adesso ci credono tutti, su un campo impossibile cuore e grinta hanno portato tre punti fondamentali. Che la palma del migliore sia toccata a Miralem Pjanic, uno dei primi emarginati di Zeman, non ? occasionale.

 

Nel pomeriggio reso complesso dalle assenze di Totti e De Rossi, il tecnico giallorosso ha avuto le risposte adeguate, si pu? guardare avanti con fiducia e, soprattutto, con quella serenit? che era stata il punto di forza della gestione Spalletti e che da tempo era andata smarrita. (…)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy