«Finalmente ho rotto una maledizione»

di Redazione, @forzaroma

(Il Tempo – A.Serafini) Solito balletto a contatto con la bandierina, solito stadio, solito sorriso, ma con una maglia diversa. Perchè il ritorno a casa di Mattia Destro è stato sofferto, ma felice. Poco per quelli che sono stati i suoi tifosi nell’ultima stagione, troppo per quelli nuovi che lo hanno visto gioire per la prima doppietta in giallorosso. «Mi dispiace per oggi, ma io devo fare il mio lavoro e farlo bene. Ho esultato per un anno così a Siena, ora lo farò anche con la Roma».

 

Inutile nascondersi dietro a parole di circostanza e non festeggiare la rottura di una maledizione che lo stava tenendo lontano dalla sua passione: «Ora sono più tranquillo, segnare è troppo importante perchè le cose poi diventano conseguentemente più semplici». Ma, striscia positiva a parte, non è ancora il momento di porre degli obiettivi, almeno pubblicamente: «Ora stiamo giocando bene, anche se non riusciamo sempre a mettere in pratica quello che vuole il mister. La reazione che abbiamo avuto nel secondo tempo però, dimostra che siamo una grande squadra. Poi a maggio vedremo». E prima di salire sul pullman, c’è anche il tempo di spiegare quel lungo abbraccio con il dolorante Osvaldo in panchina: «Non so chi è che dice che non abbiamo un bel rapporto, con Dani abbiamo legato sin da subito. È una brava persona, sono fiero che sia un mio compagno».

 

Armonia, dettata dai risultati: la stessa percepita nelle parole di Totti mentre Florenzi è impegnato di fronte alle telecamere: «Alessa’ non di’ ca…..». Il centroampista ride, e si gode la vittoria in un lancio estremo di entusiasmo: «Lo scudetto? Certo che ci credo, altrimenti non giocherei a pallone». Senza mai lasciare le sue grandi doti di umiltà: «Sento che a livello personale devo migliorare molto, ma la fiducia che sento intorno è un mio punto di forza. Possiamo giocarcela con tutti e sono orgoglioso di indossare questa maglia». Con un pensiero finale per Perrotta: «Siamo più felici noi di lui per il gol».

 

La squadra riprenderà ad allenarsi domani. Se in settimana si valuteranno i progressi di Lamela, De Rossi (terminata la squalifica) si prenota per un posto da titolare. Con lui tornerà anche Osvaldo, rimasto a riposo per il solito fastidio al piede. Tutti pronti per domenica quindi, quando all’Olimpio sarà il turno di incontrare il vecchio amico Montella.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy