Disastro Champions

La Roma attacca per novanta minuti ma riesce a segnare nemmeno un gol, e ne incassa due sulle uniche azioni offensive della Fiorentina

di Redazione, @forzaroma

Che mazzata! L’ennesima, scrive Il Tempo. Come se non fosse bastato il pesante ko contro il Barcellona al Camp Nou che ha di fatto chiuso la pur ottima parentesi Champions della Roma, ieri all’Olimpico è arrivata la sesta sconfitta casalinga. Ed è quasi un record negativo. Diverso, completamente, il modo in cui è maturata, ma molto simile la sostanza: anzi questo fa ancora più danni perché era chiaro sin dall’inizio che la qualificazione per la Champions del prossimo anno era il vero obiettivo (l’unico) dei giallorossi in questa stagione. E il ko di ieri compromette moltissimo la situazione: oggi l’Inter potrà operare il sorpasso e la Lazio andrà a far visita ai ruderi dell’Udinese per raggiungere i giallorossi in vista di un caldissimo derby che (domenica prossima) potrà decidere molto se non tutto della stagione delle due squadre della Capitale.

Il canovaccio di ieri è purtroppo già visto: la Roma, nonostante il massiccio turn-over (cinque giocatori cambiati rispetto al match col Barça) gioca praticamente a una porta, attacca per novanta minuti ma, non solo riesce a segnare nemmeno un gol, ma ne incassa due sulle due sole azioni offensive della squadra di Pioli (che raccoglie comunque il sesto successo consecutivo: un caso?). E un numero imprecisato di pali e traverse non può essere alibi per una squadra chiaramente stanca, ma che continua ad avere enormi problemi offensivi: non segna mai. Un problema questo che il buon Di Francesco (al quale fin qui non si può rimproverare nulla o quasi) non riesce a risolvere: eppure ci ha provato. Ieri incassa un gol assurdo dopo sette minuti sul primo affondo viola,ma dà subitola sensazione di poter ribaltare la situazione attaccando a testa bassa. Il gol, però, lo segna ancora la Fiorentina, su una bambola totale di Manolas. Attacco che si rivelerà sterile, anche nella ripresa nonostante i cambi del tecnico.

Il 2-0 finale è una punizione fin troppo severa per una Roma che ha pagato la Champions (un po’ come la Juventus salvata dal rigore di Dybala contro il Benevento), ma che deve farsi delle domande serie per il futuro. Una su tutte su Schick un giocatore che la Juve forse alla fine ha scartato non solo per il cuore. Sarà anche un prospetto per il futuro, ma i punti per la Champions servono ora. Così,inevitabilmente, la Roma lascia l’Olimpico tra i fischi del suo pubblico. Giusti, che dire!?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy