De Sanctis polemico: «Noi calmiamo gli ultrà al posto delle istituzioni»

Il portiere giallorosso, ieri nel post partita: «Mi piacerebbe mostrare il mio pensiero al Viminale. Sono un calciatore, ma anche un consigliere federale. Le istituzioni non devono lamentarsi di quello che è successo»

di Redazione, @forzaroma

Per l’Osservatorio è stata «una cosa inaccettabile», per De Sanctis il modo migliore di far sfogare la tensione. Il confronto chiesto dalla Curva alla squadra dopo la Fiorentina sarà oggetto di discussione nella riunione convocata d’urgenza oggi. «Mi piacerebbe – ha detto il portiere – mostrare il mio pensiero al Viminale. Sono un calciatore, ma anche un consigliere federale, farò presente al consiglio e a Tavecchio che le istituzioni non devono lamentarsi di quello che è successo. Potevano dirci di non andare, erano al nostro fianco. Se i giocatori vanno lì si spegne un po’ la rabbia, abbiamo alleggerito il lavoro delle istituzioni».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy