Chiusa una porta, si apre un portone

di Redazione, @forzaroma

(Il Tempo – A.Serafini) – Dopo una domenica passata ad organizzare le contromosse per salvare il resto della stagione, ieri l’ex tattico di Spalletti ha diretto la prima seduta con i gradi dell’allenatore. La ?soluzione interna? voluta dal club non ha lasciato spazio ad emozioni e presentazioni varie, per un uomo che vive il ?Bernardini? dal 2005. Andreazzoli, trovandosi davanti un gruppo decimato dalle convocazioni nazionali, ha parlato con il resto della truppa all’interno dello spogliatoio per circa mezz’ora, prima di uscire armato di fischietto e cappellino insieme al vice Muzzi col quale Totti ha scherzato al suo arrivo: ?Oh, me te ricordavo pi? magro… ammazza quanto te sei ingrassato?.

La stima da parte della squadra verso quell’uomo che sino a giugno sar? il loro riferimento, ha trovato riscontri nelle parole dei vecchi senatori (da Totti passando per Taddei e Perrotta), alle nuove leve. Un rapporto intenso quello con il numero dieci, con cui ieri si ? soffermato spesso a parlare, anche prima che la squadra li raggiungesse per la riunione tecnica. La direzione comune sar? quella di recuperare il terreno perso, cercando di riconquistare la fiducia dei tifosi concentrando le forze sugli obiettivi stagionali rimasti. […]

Ci sono voluti pochi minuti prima che qualcuno ripiombasse in qualche tuffo del passato: dai palleggi iniziali, alle flessioni di penitenza per gli sconfitti della partitella, l’ombra pesante di Spalletti ? riapparsa in un baleno sotto lo sguardo di Baldini e Sabatini. Cos? come tutte quelle vecchie regole su cui l’allenatore di Certaldo, aveva costruito la sua prolifica avventura in giallorosso: da oggi infatti, stop alle doppie sedute e una decisione da prendere nei prossimi giorni sulla possibilit? di tornare al ritiro facoltativo. Una novit? intrapresa qualche anno fa, quando giocatori di loro spontanea volont? decidevano se passare la notte a Trigoria prima delle gare in casa. Ora l’ultimo tassello da svelare si concentrer? su quel modulo di gioco, da tutti riconosciuto nel 4-2-3-1, che contribu? a rendere meno vuota la bacheca di Trigoria. I dubbi comunque rimarranno finch? Andreazzoli non abbraccer? il ritorno degli 11 nazionali in giro per il mondo, in modo da poter studiare anche una valida alternativa ad un sistema di gioco gi? rodato[…]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy