Black-out Roma, la solita storia

I giallorossi si fanno rimontare sul finale due reti, pareggiano e sfumano una qualificazione semplice ai sedicesimi di Europa League

di Redazione, @forzaroma

Come distruggere tutto in due minuti e ripiombare nel solito tunnel. La Roma fa tre passi avanti e altrettanti indietro, subendo l’ennesima rimonta, già la quarta in stagione, in una partita ormai chiusa contro un avversario modesto come l’Austria Vienna. All’82’ è avanti 3-1, Spalletti sta facendo le sostituzioni pensando al Palermo (ma inserendo comunque due titolare come Salah eDzeko, oltre a Palmieri) e all’84’, senza neppure rendersene conto, si ritrova in parità, come nella classifica di un girone guidato a pari merito con gli austriaci.

Una squadra capace di segnare tre gol a chiunque in scioltezza ma anche di prenderli (siamo a 18 reti incassate in 14 gare ufficiali) con la velocità con cui si subiscono i canestri nel basket, il precedente europeo dell’anno scorso a Leverkusenè solo uno dei tanti esempi. E allora il famoso esame “da grande” non è superato neppure stavolta, perché è molto più facile restare concentrati quando affronti Inter e Napoli piuttosto che trovare stimoli in Europa League contro l’Austria Vienna. Ma una squadra vincente si vede in questi momenti e la Roma ancora non lo è. La giusta punizione sarà quella di doversi giocare la qualificazione fino in fondo al girone, quando invece una vittoria ieri avrebbe quasi chiuso il discorso.

Eppure dopo un avvio negativo, sembrava essersi messo tutto in discesa. “Devo essere più cattivo sotto porta“. Due gol di El Shaarawy, uno di Florenzi, un assist di Gerson, altri due di Totti alla sua centesima partita europea in giallorosso, nel torneo dove anche da 40enne può divertirsi. Ma sei ai palloni telecomandati del capitano ci siamo abituati, il lancio del brasiliano per il momentaneo pari giallorosso è la prima “perla” di un talento su cui la società ha scommesso forte.

Dopo 16 minuti di nulla – escluso un bel tiro di Florenzi – la Roma si ritrova sotto, merito del biondoHolzhauser che fa esplodere di gioia il settore dei viennesi. Ma grazie al secondo lancio consecutivo diGerson El Shaarawy firma subito il pari. La doppia giocata Florenzi-Totti manda di nuovo in porta il Faraone che timbra la doppietta. L’ultima l’aveva segnata 8 mesi fa a Empoli, il capitano lo applaude convinto.

Nella ripresa i giallorossi trovano il gol dell’apparente sicurezza ancora sull’asse tutto romano. A quel punto in campo c’è già Salah al posto dell’altro egiziano, Spalletti fa rifiatare anche Palmieri che si mette a destra, quindi entra Dzeko per un Iturbe ancora una volta inconsistente e a quel punto inizia l’incubo. Prima Prokop può liberamente caricare il tiro del 3-2, poi su una punizione crossata in area Alisson è troppo passivo, Manolas si addormenta e Kayode trova l’incredibile 3-3 che manda in estasi i tifosi viennesi. Il 3 novembre si replica in Austria, intanto arriva un trittico in campionato tutt’altro che semplice: Palermo e le due trasferte di Empoli e Sassuolosaranno gli ennesimi esami di maturità per una squadra da schiaffi.

(A. Austini)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy