Bergonzi è il peggiore in campo

di Redazione, @forzaroma

(Il Tempo – F.Bovaio) Non piace la direzione di Bergonzi, che alla fine scontenta tutti specie per la gestione dei cartellini e per una condotta di gara incoerente.

Il primo dei tanti episodi del match è il rigore assegnato alla Lazio al 6′ per l’uscita di Stekelenburg su Klose. Il fallo è netto, con il tedesco che anticipa il portiere, viene toccato sulla caviglia e tirato giù. (…) La regola è sbagliata, ma al momento questa è. A rivederlo alla moviola, però, ci si accorge di Juan, che sembra possa rientrare su Klose perché questo, per precedere l’uscita del portiere, arriva quasi in allungo sul pallone, che a sua volta va lateralmente, proprio in direzione del romanista. Ma l’arbitro in campo la moviola non ce l’ha e dunque ogni valutazione da replay non può riguardarlo. Perciò diciamo che la decisione farà discutere i tifosi, ma sul campo ci può stare. Discorso che vale anche per la punizione da cui nasce il gol della Roma e che frutta la prima ammonizione a Scaloni.

Al replay il fallo su Borini non è nitido, ma sul campo forse sì e se viene fischiato è giusto ammonire il laziale, perché non c’è la chiara occasione da rete, visto che il pallone va comunque dritto tra le mani di Marchetti. Poi l’assistente Copelli (che con 216 gare in A ha eguagliato il record di presenze del collega Ivaldi) vede bene sul gol di Borini: la palla è respinta da Biava 58 centimetri dentro la porta. Al 46′ nuovo dubbio in area giallorossa per un contrasto tra Taddei e Mauri nel quale il romanista tira quasi via la maglia all’avversario. Per la Lazio poteva starci un altro penalty, ma non per Bergonzi, che ammonisce il laziale per simulazione. Ma questo è solo uno degli errori dell’arbitro anche nella gestione dei cartellini, che nei primi 25′ non estrae mai (nonostante fossero da giallo gli interventi di Biava su Borini al 3′ e di Dias su Totti al 20′) e poi tira fuori sempre, ammonendo severamente Matuzalem e Biava. Preso il giallo, quest’ultimo andrebbe poi espulso per doppia ammonizione al 90′ per lo sgambetto con cui ferma Bojan, che invece viene ammonito per simulazione provocando l’ira di Totti, ammonito anche lui.

In precedenza il rosso per doppio giallo era toccato a Scaloni (ri-ammonito all’86’ per un fallo su Bojan) ed evitato ad Heinze, punito al 61′ per proteste dopo un fallo che forse non c’era su Matuzalem e graziato al 66′ per una dura entrata su Klose.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy