Un disastro che ha tanti colpevoli. L’errore più grave: far finta di niente

Un disastro che ha tanti colpevoli. L’errore più grave: far finta di niente

Stilare classifiche di promossi e bocciati, in certi casi, significa soltanto salvare qualcuno che non merita di essere salvato

di Redazione, @forzaroma

Mancavano dieci giorni a Natale dello scorso anno quando la Roma vinceva la sua ultima partita allo stadio Olimpico. Da quel momento solo delusioni e miserie, nelle sfide giocatein casa, scrive Mimmo Ferretti su Il Messaggero.

Con una serie infinita di salti verso il basso nel nuovo, disastroso anno. E prestazioni indecenti che coinvolgono tutti. Tutti. Perché stilare classifiche di promossi e bocciati, in certi casi, significa soltanto salvare qualcuno che non merita di essere salvato.

La Roma oggi è una squadra in profonda crisi: ecco perché va chiamato in causa chi il gruppo l’ha costruito (e non migliorato a gennaio), chi lo guida e chi va in campo. Troppo scoperto ormai il suo piano strategico, ad esempio. Far gol alla Roma di Paulo Fonseca è diventato facilissimo. La rosa che andava rinforzata nel mercato di gennaio (dove non arrivano i soldi, di solito arrivano le idee…) fatalmente ora è peggiorata, con più di un elemento da accompagnare all’uscita. In fretta.

Una Roma dominata da un Bologna capace di bloccare agilmente le fonti del gioco di Paulo Fonseca e abile assai nello sfruttare i punti deboli in fase difensiva degli avversari in maglia giallorossa. Dopo l’osceno primo tempo di Reggio Emilia, un’altra partenza da incubo. Con più di qualche protagonista impresentabile, tipo Kolarov irriso da Orsolini o il tandem Veretout-Cristante preso a pallonate da Schouten e Svanberg.

E Mkhitaryan in campo con tre giorni di allenamento nelle gambe dopo quattro settimane di stop. Micki sta meglio di Pastore, il virgolettato giovedì in conferenza-stampa di Fonseca: figuriamoci come sta il Flaco...

I problemi in casa Roma non hanno età. Possibile che l’ultima parte del 2019 sia stata una meteora e che la realtà sia invece quella d’inizio 2020? Possibile che la bella Roma del derby sia scomparsa dopo il fischio finale di Calvarese? Qualcuno deve avere il coraggio di spiegare ai tifosi le cause del tonfo, se le ha individuate. Deve averlo. Far finta di niente, come accaduto nel post Reggio Emilia, sarebbe la fine. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy