Ugolotti, il Nicolò di 40 anni fa: “I genitori ora gli stiano accanto”

L’ex attaccante giallorosso: “Zaniolo deve sentirsi protetto dalla famiglia. Il resto verrà da sè”

di Redazione, @forzaroma

Fari puntati su Nicolò Zaniolo, classe 1999, (già) due reti in campionato con la maglia della Roma nella stagione dell’esordio. Giusto. Doveroso. Inevitabile. Ma nella storia del club giallorosso, scrive Mimmo Ferretti su Il Messaggero, c’è chi ha fatto addirittura meglio dell’ex interista. Si tratta di Guido Ugolotti, classe 1958, attuale allenatore del Floriana nella Premier League maltese. Il quale, all’inizio della stagione 1977-78, segnò tre volte nelle prime tre giornate di campionato.

Attaccante cresciuto nel settore giovanile giallorosso, aveva 19 anni e 14 giorni, esattamente 163 giorni meno di Zaniolo, andato a segno contro il Sassuolo (26 dicembre 2018) a 19 anni, 5 mesi e 24 giorni.”E a quel tempo non c’erano i social, c’era solo la Rai e le trasmissioni sportive in tv erano davvero poche”, ricorda Ugolotti. “Io, ad esempio, ricordo che il giorno dopo il gol al Torino feci un lungo servizio fotografico per il Guerin Sportivo… Fino alla settimana prima ero un illustre sconosciuto che giocava con la Primavera. Restare con i piedi per terra, con la gente che ti riconosceva per strada, con i tifosi che ogni minuto ti chiedevano l’autografo non è stato facile”.

Il trucco, o il segreto, per riuscirci ha basi semplici. “In certi casi, conta la famiglia. Conta l’educazione che ti hanno dato i tuoi genitori, conta poggiare su valori concreti. Io, sotto questo aspetto, non ho avuto problemi: mio padre lavorava all’Enel, la mia famiglia era molto semplice e non ho avuto difficoltà a restare nella realtà. Sono nato in Toscana, ma Roma la conosco bene: ti basta un attimo per svalvolare, per perdere il contatto con la vita reale. Mi hanno raccontato che Zaniolo è un ragazzo con la testa molto, molto sulle spalle e, quindi, non temo ripercussioni negative dopo tutte le cose belle che sta dimostrando. Ma mi affido ai suoi genitori: gli stiano vicino, lo facciano sempre sentire protetto. Il resto verrà da sè”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy