Totti, l’addio “strozzato” poco prima del derby

Il capitano era pronto a dare l’annuncio il giorno del lancio dei suoi scarpini speciali, ma non ce l’ha fatta

di Redazione, @forzaroma

Da amici e non arrivano i primi messaggi per Francesco Totti. “Gli auguro di chiudere la carriera con un grande sorriso” a firma Alex Del Piero. Quel giorno sta arrivando come un direttissimo, scrive Alessandro Angeloni su Il Messaggero. Il 28 maggio, ultima di Totti, ultima di campionato, proprio all’Olimpico contro il Genoa. Totti è orgoglioso, non riesce a ripetere quello che ha detto Monchi.

Gli amici, qualche dirigente avevano provato a convincerlo: dillo tu, dai. Quel «dillo tu» alla fine era la strada per uscirne bene. C’era un giorno meglio degli altri per rivelare il proprio destino, cioè prima del derby, quando il suo sponsor tecnico gli aveva riservato una festa in pieno centro per la presentazione del suo scarpino speciale. Tutti sapevano e pensavano (speravano) che quel giorno Totti avrebbe fatto la grande rivelazione.

Francesco era pronto, sapeva e alla fine non ce l’ha fatta. Quel “a fine stagione smetto”, non è uscito affatto dalla sua bocca, forse perché non era ancora nella sua testa. Zero, nessun annuncio e poi è accaduto l’inevitabile: ci hanno pensato prima Massara, poi Baldissoni, infine Monchi. Domenica, infatti, Totti aveva ribadito che da lui “non era stato detto niente” ma con gli amici ammetteva la sua tristezza «per il giorno ormai arrivato». E il presidente James Pallotta, da Boston, ieri ha confermato il futuro del capitano nella Roma, non più da giocatore: “Con Francesco avevamo già parlato di tutto questo, lui sarà il direttore tecnico. Monchi da lui avrà solo da imparare”. In serata l’ad Umberto Gandini ha ripetuto lo stesso pensiero. Adesso, con il bubbone riesploso, conta solo capire che tipo di accordo faranno la Roma e Totti e capire che festa ci sarà il 28 maggio o se Francesco (probabilmente) ne vorrà fare un’altra tutta sua.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy