Totti fa scena muta sul tecnico, Pallotta lo lascia ancora a casa

Totti fa scena muta sul tecnico, Pallotta lo lascia ancora a casa

L’elogio del presidente nella lettera ai tifosi è andato a vuoto, Francesco escluso dal vertice di Madrid

di Redazione, @forzaroma

Non più tardi di qualche giorno fa, scrive Stefano Carina su Il Messaggero, il presidente Pallotta nella lettera pubblicata sul sito del club, aveva elogiato Francesco Totti lasciando intendere come l’ex Capitano fosse sempre più coinvolto nelle decisioni tecniche. In primis quella riguardante la scelta del prossimo allenatore. A tal punto che era tornata a rimbalzare per l’ennesima volta la possibilità di conferirgli una carica nell’organigramma societario (quella che ora non ha) alla voce di responsabile/direttore tecnico.

Premesso che la sfumatura tra responsabile e direttore fa tutta la differenza del mondo e che a Trigoria invece si continua a ripetere che “nuovi incarichi non sono all’ordine del giorno”, appare curioso che nel momento in cui la Roma si muove per andare a Madrid per parlare con il futuro tecnico (anche questo fatto abbastanza insolito: normalmente accade il contrario) Totti rimanga a casa.

Come c’era già rimasto a metà aprile quando Massara (ieri ha ufficializzato le dimissioni) aveva raggiunto la dimora di Pallotta a Boston, in compagnia di Baldini, per questioni di mercato.

A proposito di Baldini: in questi giorni il consigliere del presidente fa trapelare off record come sulla scelta di Fonseca non c’entri nulla e che la decisione di virare sul portoghese non è sua ma dell’ala italiana del club. Ma Totti, che non va a parlare con Fonseca e che da settimane lascia intendere come preferirebbe un tecnico che ha già lavorato in serie A (il contatto diretto con Gattuso e l’appoggio in seconda istanza alla candidatura di Mihajlovic sono lì a confermarlo), ne fa parte? La risposta, mai come stavolta, appare scontata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy