Tor di Valle, dubbi sui tempi: “Doppio voto sul progetto bis”

L’opposizione chiede che in Consiglio si discutano variante e pubblica utilità: oggi il passaggio in commissione

di Redazione, @forzaroma

Oggi, in occasione della commissione congiunta Urbanistica-Lavori pubblici, la discussione sul progetto dello Stadio della Roma a Tor di Valle entra nel vivo, come scrive LOrenzo De Cicco su Il Messaggero. Comincia una corsa contro il tempo per strappare il via libera dell’Aula Giulio Cesare “entro il 15 giugno”, come ha spiegato ieri il capogruppo M5S, Paolo Ferrara.

Il Pd chiede sul progetto una doppia votazione in Consiglio comunale: prima sulla «pubblica utilità» dell’opera, poi sulla variante. Un percorso senza fretta, da chiudersi non prima di «settembre», spiega il dem Giulio Pelonzi.
Ieri i partiti della minoranza hanno incontrato l’assessore Luca Montuori. Un vertice con un «clima sincero», ha detto il responsabile dell’Urbanistica. Ma non sono mancati, da parte dell’opposizione, dei paletti anche sul cronoprogramma tracciato dalla giunta.

La variante urbanistica, secondo i democrat, “deve essere approvata in Aula e si deve partire a settembre, perché prima serve il coinvolgimento della commissione e dei Municipi”. Parla invece di “speculazione immobiliare” Stefano Fassina di SI, criticando l’emendamento alla manovra, presentato dal governo, che “introduce la possibilità di costruire fino al 20% della superficie edificabile a uso residenziale, è un regalo a Pallotta”, secondo l’ex viceministro dell’Economia.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy