Szczesny-Benatia-Pjanic: c’eravamo tanto amati

Szczesny-Benatia-Pjanic: c’eravamo tanto amati

I tre ex giallorossi furono decisivi nell’ultima sfida allo Stadium. Ronaldo non è un ex ma ci sarà

di Redazione, @forzaroma

Per farsi un’idea di quanto pesi il fattore ex tra Juve e Roma basta dare un’occhiata all’ultima sfida allo Stadium, scrive Alberto Mauro su Il Messaggero. Il 23 dicembre 2017 fu Benatia a segnare il gol decisivo (1-0) per la Juventus che nel finale prima sfiorò il raddoppio con Pjanic (incrocio dei pali su tiro da fuori) e poi rischiò grosso su un contropiede di Schick – avviato da un errore di Benatia , disinnescato da una parata eccezionale di Szczesny. Tre sì per Max Allegri che anche stasera punterà sull’ Ex Factor, motivazioni e stimoli supplementari per chiudere in testa il girone di andata.

In porta rientra Szczesny dopo aver ceduto i guanti a Perin nel derby, in difesa riposa Bonucci, al suo posto accanto a Chiellini è stato provato Benatia (e non Rugani) in rifinitura, proprio per i trascorsi in giallorosso. A centrocampo Pjanic non si tocca.

Ronaldo non è un ex ma ci sarà, “riposerà contro Atalanta o Samp” dice Allegri, segno che la Roma nonostante i 22 punti di distacco fa paura. “Tutti si aspettavano una Roma con un’altra classifica – ammette il tecnico bianconero -, ma guai a sottovalutarla. Non possiamo sbagliare l’approccio alla partita. È sempre Juve-Roma. La classifica è falsa: la quota scudetto sarà 87-88 punti, massimo 90. Di Francesco ha qualità indiscutibili ma sono tutti in discussione se non fanno risultato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy