Smalling saluta, Pallotta snobba il Kuwait

Smalling saluta, Pallotta snobba il Kuwait

Il difensore salta l’Europa ma può tornare. Il presidente ironico: “Ma chi è?”

di Redazione, @forzaroma

Professionista esemplare. Sino all’ultimo giorno. Smalling si appresta a salutare la Roma e tornare al Manchester United. I due club non hanno trovato l’accordo, fermi sulle rispettive posizioni da settimane. Per 6 milioni (20 richiesta, 14 offerta), la Roma decide di non riscattare l’inglese. Discorso chiuso? Forse no, scrive Stefano Carina  su Il Messaggero.

Se per l’Europa League Fonseca dovrà farne ameno, il club ha chiesto al calciatore di rimanere nella Capitale e rifiutare, prossimamente, le offerte che i Red Devils gli sottoporranno. Solo così a Trigoria contano di poter rientrare in gioco nella parte finale del mercato (chiude il 5 ottobre). Bisognerà però capire cosa vorrà fare Smalling che per carattere ha già dimostrato di non essere tipo molto avvezzo ai braccio di ferro. Di certo la Roma rimane scottata dall’atteggiamento dell’agente del ragazzo, dal quale ci si attendeva un comportamento diverso dopo che un mese fa era stato ingaggiato il giovane Podgoreanu, sempre della Omni Sport.

Intanto con una forma abbastanza singolare (annuncio su Twitter), Fahad Al Baker – uomo d’affari del Kuwait, non legato al fondo sovrano – ha annunciato ieri di aver sottoposto a Pallotta un’offerta per l’acquisizione del club: “Stiamo aspettando una risposta che ci auguriamo possa essere positiva“. Non s’è fatta attendere la replica del presidente giallorosso: “Io non ho ricevuto nulla, è un tweet esilarante. Ma chi è? Non è che hanno sbagliato Pallotta?“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy