Sinisa, candidato senza consenso

Sinisa, candidato senza consenso

Petrachi ha incontrato Mihajlovic per capire l’eventuale disponibilità del tecnico. ma per la tifoseria non sarebbe il miglior biglietto da visita possibile

di Redazione, @forzaroma

Non solo l’appeal. Più trascorrono i giorni e il rischio che la Roma vada incontro anche a problemi legati all’immagine (caotica) che proietta all’esterno, lievitano di ora in ora, scrive Stefano Carina su Il Messaggero.

Le bordate di Ranieri, il mancato aggancio alla Champions, il traumatico addio di De Rossi, la contestazione che ne sta seguendo e i no in rapida successione di Conte e Gasperini. Ora l’inchiesta di Repubblica. Sullo sfondo un club che continua ad incassare colpi e al 31 maggio è ancora con un direttore sportivo (Petrachi) da ufficializzare e senza allenatore.

Proprio su questo tema, continuano le consultazioni della società. Singolare che ogni ala del club continui ad interpellare un candidato diverso. Nelle ultime ore, proprio Petrachi – dopo aver sondato nei giorni scorsi De Zerbi – ha contattato Mihajlovic per capire l’eventuale disponibilità del tecnico. Le perplessità sul suo conto sono di natura (quasi) esclusivamente ambientale. Non più tardi di un paio di settimane fa, il serbo si è professato per l’ennesima volta tifoso laziale. E per una tifoseria, che proprio nel giorno dell’addio di De Rossi s’è ritrovata in nome del romanismo’, non sarebbe il miglior biglietto da visita possibile.

Il timore da parte della dirigenza che possa essere letta come una provocazione, frena al momento l’ok. Nel frattempo, a margine della riunione andata in corso all’Eur mercoledì sera, Totti ha contattato direttamente Gattuso (nel weekend a Capri per la festa organizzata da Ancelotti). Rino – che ha un’offerta dalla Fiorentina se dovesse finire nelle mani dell’imprenditore Commisso ed è allettato da un’avventura all’estero – ha preso tempo. Non ha chiuso la porta ma vuole prima capire i piani societari riguardanti il mercato in entrata e in uscita.

In corsa anche Fonseca (Shakhtar), che troverebbe d’accordo sia Petrachi che Baldini, ma è penalizzato dal fatto che non conosce il calcio italiano e per ora sembra una carta da giocarsi in extremis, qualora si complicassero altre piste. Più indietro Benitez e Blanc anche se ieri l’ex ct francese, nel negare la possibilità di approdo sulla panchina del Lione, ha riferito in modo sibillino che la sua “prossima esperienza sarà all’estero”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy