Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

Il Messaggero

Sei anni di gol, poi l’addio lampo: per Dzeko è un ritorno senza applausi

Getty Images

 L’aria che si respira dai tam-tam radiofonici è che il bosniaco sarà accolto più dai fischi che dagli applausi

Redazione

Alzi la mano chi ricorda l’ultimo successo della Roma all’Olimpico sull’Inter, scrive Stefano Carina su Il Messaggero. Bisogna in effetti avere una buona memoria, visto che gli ultimi tre confronti si sono conclusi sul 2-2, preceduti da un ko interno 1-3. Era il 2 ottobre di 5 anni fa: vittoria per 2-1, firmata Dzeko in gol dopo 5 minuti e autore di una prova sontuosa. Questa sera Edin torna per la prima volta da ex. L’aria che si respira dai tam-tam radiofonici è che sarà accolto più dai fischi che dagli applausi. La modalità e la tempistica della cessione estiva del bosniaco, hanno lasciato il segno. E poco importa il fatto che Edin in 6 anni sia diventato il terzo marcatore della storia del club con 119 gol (dietro Totti e Pruzzo) o le sue ultime dichiarazioni d’amore, a rimarcare come la città (tra l’altro visitata in un blitz con la moglie Amra nei giorni scorsi) e la squadra rimarranno per sempre un pezzo del suo cuore. Dzeko ha fatto una scelta diversa e a onor del vero (visto quanto pesava d’ingaggio) non ha trovato nessuno a Trigoria disposto a fare le barricate per trattenerlo, se è vero che la sua cessione è avvenuta a titolo gratuito (con un bonus di 1,8 milioni da riscuotere eventualmente a giugno). Servirà quindi del tempo per addolcire i ricordi su uno dei centravanti più importanti della storia della Roma. Più importanti e più discussi. Perché Edin, dal giorno del suo primo gol alla Juve – con tanto di corsa a braccia aperte stile Pierino Prati sotto la Sud – al suo ultimo acuto in amichevole contro il Debrecen, ha spesso diviso. Nemmeno le 119 reti (in 260 presenze: media 0,45) sono riuscite a fare da collante tra chi avrebbe voluto vederlo più preciso sotto porta e chi è rimasto deliziato dai gol e dalla capacità di sdoppiarsi in rifinitore.