Sceicco addio, fine del bluff

di finconsadmin

(Il Messaggero – R.Dimito) – ? ufficiale: Adnan Adel Aref Qaddumi non entra nella Roma calcio. Ma nessuna sorpresa, il copione era gi? scritto da tempo. As Roma SVP LLC ?informa che il partner non ha consumato l’investimento, non c?? un accordo in atto per prorogare il termine per la chiusura della transazione, l’accordo preliminare deve essere considerato risolto?. Questa la nota diffusa ieri sera, alla scadenza del termine-ultimatum fissato il 24 febbraio scorso, entro il quale il personaggio della Giordania che dice di essere uno sceicco, avrebbe dovuto perfezionare l?operazione. […]

 
I PALETTI DELLA BANCA
Il bluff era scontato. Unicredit, partner degli americani nel club, ne era convinto sin da subito e lo ha detto abbastanza chiaramente Paolo Fiorentino nell?intervista al Messaggero. D?altro canto la verifica sulle quattro societ? riconducibili a Qaddumi (tre inattive e una in perdita di 797 euro con attivit? per 9 mila) e l?esame della Centrale rischi di Bankitalia che evidenzia una sofferenza di 4 mila euro per un debito non pagato alla Popolare di Spoleto, lasciavano presagire l?epilogo.
Ora ci dovr? essere un chiarimento tra Pallotta, socio assieme ai suoi alleati, con il 60% di Neep e Unicredit (40%) sul futuro immediato della As Roma. E questo confronto dovrebbe tenersi a breve, nei primi giorni della prossima settimana. Perch? da qui a giugno, c?? una necessit? di cassa da colmare a tutti i costi. Finora americani e banca hanno accordato finanziamenti-soci per 65 milioni che saranno assorbiti dall?aumento di capitale da 80 milioni. Ne restano, quindi da versare 15. Ma non bastano[…]

 
Unicredit si ? stancata di donare sangue. Finora ha sostenuto il club per evidenti considerazioni sociali e temendo conseguenze reputazionali. Ma i tempi sono quelli che sono, la stretta del credito costringe le banche a razionalizzare i soldi. Ecco perch? Fiorentino si sieder? al tavolo con Pallotta mettendo bene in chiaro le condizioni: la banca potrebbe fare un ulteriore sforzo, ma a certe condizioni tassative, tra le quali l?impegno degli americani a fare gli azionisti di maggioranza. Cio? a mettere i soldi che servono, anche perch? sin dall?inizio, come ? scritto nel patto, Unicredit ha dichiarato di volersi diluire al 10%. […]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy