Sassaiola al derby, arrestato un ultrà

Il bilancio post derby è di un arresto e tre Daspo emessi

di Redazione, @forzaroma

Un arresto, tre Daspo, armi bianche nascoste nei dintorni dello stadio scoperte e sequestrate dalla Digos. La tensione che ha accompagnato il derby della Capitale dal punto di vista dell’ordine pubblico si scioglie nel bilancio del day-after. Come riportato nell’edizione odierna de “Il Messaggero” i contatti tra le tifoserie sono stati evitati, agguati e rese dei conti dopo l’assalto di giovedì notte al bar giallorosso di Casal Bertone – almeno per ora – scongiurati. Così il neo-questore, Carmine Esposito, insediato venerdì, ha tirato un sospiro di sollievo. “Gara svolta in un contesto di legalità“, per la Questura. Del resto, i romanisti erano troppo impegnati a litigare tra di loro (Fedayn e Roma si sono azzuffati nella parte bassa della Sud e la coreografia è saltata) per pensare pure di prendersela con i laziali e a questi dev’essere bastato godersi lo spettacolo, oltre al risultato finale. Un ultrà romanista è stato arrestato per resistenza durante la partita. Prima di entrare, infatti, aveva lanciato un oggetto contundente verso le forze dell’ordine schierate sul lungotevere Diaz. L’ultrà era stato videoripreso dalla Scientifica in mezzo a un centinaio di altri tifosi davanti al bar River, ritrovo giallorosso, e successivamente individuato grazie alle telecamere. Il giovane è stato anche sottoposto a Daspo per 4 anni. Intanto, sono in corso le indagini per risalire a chi ha lanciato il sasso all’altezza di via degli Affari Esteri che ha ferito un assistente capo in forza al XIV Reparto Mobile di Senigallia. L’agente ha riportato una prognosi di 10 giorni. Durante le operazioni di filtraggio nel settore ospiti un supporter giallorosso è stato trovato in possesso di un petardo, nascosto nei pantaloni ed è stato sottoposto al Daspo di un anno. Il terzo daspato (2 anni) è un tifoso che dopo l’inizio del secondo tempo ha scavalcato la recinzione della tribuna Monte Mario per sistemarsi sul palchetto d’onore. Prima della gara la polizia ha intercettato in via Capo d’Africa 24 hoolingans inglesi (affiliati romanisti) e 4 tedeschi (in tasca i biglietti per la Nord) pronti a venire alle mani: sono stati identificati e accompagnati allo stadio.

(A. Marani)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy