Romagnoli il pendolare tra Trigoria e futuro

di finconsadmin

(Il Messaggero – A.Angeloni) – Si sostiene da sempre che un ragazzo si fa uomo quando si ritrova dietro una cabina elettorale con una penna in mano a decidere il suo voto e lui per la prima volta nella vita lo ha fatto la scorsa settimana, dodici giorni dopo il suo diciottesimo compleanno; un calciatore si sente professionista quando per la prima volta il suo allenatore gli assegna una maglia da titolare e se in quell?occasione fa anche gol, quel professionista diventa un predestinato[…]

 

 

I SACRIFICI FAMIGLIARI
Oggi c?? gi? qualcosa di diverso in Alessio. Se si piazza davanti allo specchio, forse si vede senza quei rossi sulle guance, noter? qualche brufolo in meno sulla pelle e magari, girando per le vie di Nettuno, qualcuno gli chieder? anche un autografo. Proprio Nettuno, come Bruno Conti che, con Ivano Stefanelli, lo hanno scoperto quando giocava nel San Giacomo, come fu per D?Agostino ormai pi? di un decennio fa. Stessi luoghi, stesso talento. Nettuno-Roma (Trigoria), uno scorcio di vita da pendolare. Con pap? Giulio che, pur di investire sulla passione del suo piccolo grande prodigio e dimenticare i problemi famigliari, figli di un?economia che sta uccidendo il lavoro e i lavoratori, lo accompagna agli allenamenti e lo riporta a casa quotidianamente.

 

 

MADE IN NETTUNO
Con Bruno Conti ha mille cose in comune: le origini (Alessio per questioni di opportunit? ? nato a Anzio, ma ? cresciuto e vive a San Giacomo di Nettuno), la passione per il baseball e la scuola, l?istituto Paolo Segneri frequentato un bel po? di anni fa da Daniele e Andrea Conti. La Roma – con Conti in testa – ha contribuito ad alleggerire alla famiglia Romagnoli le spese dei viaggi quotidiani, ha ritoccato il contratto di Alessio e adesso penser? a fargliene uno vero. Cos? il 46 della Roma (numero dedicato a Valentino Rossi) deve solo pensare a portare avanti serenamente la sua professione e a non spegnere il suo talento. ?Ho vissuto una serata magica e la dedico a mio padre e mia madre?. Non dimentica i genitori, non dimentica Zeman (cos? come Alberto De Rossi e Alessandro Toti, e prima ancora Vincenzo Montella e Andrea Stramaccioni) che lo ha trattenuto la scorsa estate e ha preteso di averlo in ritiro a Riscone. Siamo a marzo Alessio ha nelle gambe solo 11 minuti di Roma-Milan (l?esordio in A), una partita da titolare con il Genoa e una in coppa Italia con l?Atalanta. Di lui, per?, si parla come un predestinato[…]

 

 

SOGNANDO ZIDANE
Da piccolo faceva l?attaccante e sognava di essere Zidane, adesso fa il difensore e gli piace Piqu?, prima adorava Maldini. C?? chi rivede in lui Righetti. Adesso che ? cominciato tutto, si deve confermare perch? le aspettative crescono giorno dopo giorno. ?Ma lui ? un ragazzo serio, non si monter? la testa?, assicura Bruno Conti. Totti e De Rossi gli fanno da chioccia, Florenzi, Lamela e Nico Lopez sono i sui amiconi e compagni di play station. Ama i tatuaggi, ascolta musica e legge qualche libro. La testa sembra l?, sulle spalle. C?? tutto per guardare il futuro con ottimismo.[…]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy