Roma, vittoria e cose turche

Europa League, a Istanbul grande successo giallorosso: manca un punto per i 16esimi. Pellegrini ferito alla testa da un accendino lanciato dagli spalti

di Redazione, @forzaroma

Il 1° successo della sua storia in Turchia, al 5° tentativo, lancia la Roma verso i sedicesimi di Europa League, come riporta Ugo Trani su Il Messaggero: 0-3 a Istanbul contro il Basaksehir, crollato davanti al presidente turco Erdogan, allo stadio Fatih Terim soprattutto da tifoso.

Il 12 dicembre all’Olimpico, nell’ultimo turno del gruppo j, ai giallorossi, ora al 2° posto dietro al M’Gladbach, basterà il pari contro il Wolfsberger, eliminato dopo il ko di Graz con il Borussia.

Risultato in ghiaccio già nel 1° tempo, con Pellegrini in cattedra, decisivo nelle azioni dei 3 gol di Veretout, Kluivert e Dzeko. Fonseca, del resto, è di parola e schiera la Roma migliore del momento per riprendere quota e avvicinarsi in fretta alla qualificazione. Così cambia solo il terzino destro dopo il successo in campionato contro il Brescia.

Under, dunque, parte in panchina e conferma per Kluivert a sinistra. La Roma si prende subito l’iniziativa e trasloca nella metà campo avversaria. Possesso palla e pressing alto. Avanzano Santon e Kolarov, gestione da dietro divisa tra Smalling e Mancini, con Diawara lucido da play qualche metro più avanti. Tiretto centrale di Dzeko: primo avvertimento. Mancini, invece, chiude bene su Crivelli dopo fuga a destra di Visca: il Basaksehir, quindi, usa solo il contropiede. L’arbitro Hategan, in serata no, sorvola sulla spinta di Ponck a Zaniolo, piombato in area su imbucata di Dzeko. Negato il rigore che è solare. Ma l’onda giallorossa non si placa. Dzeko devia fuori di testa, Santon insiste a destra e Pellegrini va al tiro dal limite e Topal respinge di spalla. Hategan persevera, concedendo il rigore che non c’è: lo trasforma Veretout, spiazzando Günok. Ancora Pellegrini: lancio in profondità per lo scatto di Kluivert, destro per il bis. Nuova verticalizzazione, sempre di Pellegrini, e pallonetto di Dzeko per il tris prima dell’intervallo.

Il Basaksehir, insomma, esce di scena già nel 1° tempo: fine della striscia positiva di 11 partite, iniziata dopo il ko del 19 settembre all’Olimpico.  Pellegrini ferito alla nuca da un accendino lanciato dai tifosi turchi, l’avversario è in tribuna e non in campo. L’arbitro rumeno è pronto a sospendere il match. Adesso Fonseca si può concentrare su Verona.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy