Roma, Viktoria con la manita

I giallorossi conquistano i primi tre punti nel girone di Champions: tripletta di Dzeko e gol di Under e Kluivert per la cinquina ai ceki, apparsi poca cosa. Il Real ko a Mosca

di Redazione, @forzaroma

La manita alzata all’Olimpico contro il Viktoria Plzen, 5 a 0, è per farsi riconoscere: la Roma c’è, anche in questa Champions, e centra subito la vittoria più ampia della propria storia nella competizione, come riporta Ugo Trani su Il Messaggero.

A trascinarla è sempre Dzeko, nuova tripletta al portiere Kozacik.  Il 3° successo casalingo di fila dei giallorossi, dopo le vittorie in campionato contro il Frosinone e la Lazio, conferma comunque che la strada imboccata è quella giusta.

Di Francesco, anche per dare continuità al nuovo percorso, va giustamente avanti con il 4-2-3-1. Pellegrini rimane alle spalle di Dzeko, come nel derby quando è entrato in corsa per Pastore. E si vede che il ruolo gli piace. È dinamico e quindi sa come comportarsi tra le linee. A centrocampo, senza l’infortunato De Rossi, Nzonzi accoglie Cristante al suo fianco per la divisione dei compiti e soprattutto per la distribuzione dei palloni. Il tandem è ben assortito: Nzonzi fa più l’interditore, Cristante il palleggiatore. Ma entrambi giocano puliti. Il tridente è invece inedito: con Under che, sempre vivace e concreto, si riprende il posto a destra, ecco che debutta Kluivert in Champions, piazzandosi alla sinistra di Dzeko. Florenzi torna a fare il terzino destro e Kolarov resta a sinistra non pensandoci proprio a chiamarsi fuori. In difesa, come previsto, Jesus sul centro sinistra e Manolas in tribuna.

Dzeko firma una tripletta in Europa, 43 giorni dopo l’unico gol in campionato, il 19 agosto a Torino. A Dzeko basta vedere davanti il Viktoria Plzen per ricordarsi il suo ruolo di trascinatore della Roma in Champions.

Lorenzo Pellegrini, prima dell’intervallo, prova a far segnare Florenzi che si fa ipnotizzare da Kozacik. E, sempre più da rifinitore, detta legge pure nella ripresa. Assist per il 3° gol di Under, lanciato poi per la possibile doppietta. Dalla parata di Kozacik, la prima rete in giallorosso di Kluivert, con dedica all’amico Nouri (in coma fino al 21 agosto). All’esibizione giallorossa partecipano anche Luca Pellegrini, all’esordio nella competizione, Zaniolo e Schick rispettivamente per Kolarov, Lorenzo Pellegrini e Under. In tempo per vedere Dzeko mostrare la maglia del difensore Calafiori (grave infortunio al ginocchio nel pomeriggio con la Primavera) e portarsi a casa il pallone della nuova tripletta (1ª in Champions e 9 gol in carriera al Viktoria): colpo di testa su corner di Florenzi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy