Roma, due pedine senza casella

Roma, due pedine senza casella

Di Francesco tornerà al 4-3-3 contro il Chievo, ma rimane il rebus della collocazione dei “pezzi da 40” Schick e Pastore

di Redazione, @forzaroma

Il venerdì nero di San Siro è più lontano. Eusebio Di Francesco (oggi compie 49 anni) è in attesa che i 13 nazionali rientrino a Trigoria per preparare il periodo che andrà dal 16 settembre al 6 ottobre, in cui la Roma disputerà 7 partite in 20 giorni (5 di campionato e 2 di Champions). Il tecnico proverà a ridare alla squadra un gioco lineare basato sul 4-3-3, come riporta Gianluca Lengua su Il Messaggero.

Un sistema di gioco in cui, però, risultano di difficile collocazione Schick e Pastore, due calciatori acquistati da Monchi e su cui il club ha puntato economicamente e sportivamente.

Il ceco sembra aver trovato finalmente la giusta condizione atletica: è tornato prima dalle vacanze per seguire un allenamento specifico, nel precampionato ha segnato 5 reti e giovedì sera ha ritrovato il gol in nazionale con una bella percussione cominciata dalla trequarti sinistra. Patrik tornerà a Roma con nuovi impulsi e non dovrà far altro che credere nelle sue qualità prendendo per mano la squadra trascinandola fuori dal tunnel. Lunedì è prevista la ripresa degli allenamenti, rientreranno in gruppo Perotti e De Rossi.

Ieri, nell’incantevole cornice di piazza di Spagna è stata presentata la nuova squadra della Roma femminile che parteciperà al campionato di Serie A. Le 22 calciatrici allenate da Elisabetta Bavagnoli hanno sfilato sulla Scalinata di Trinità dei Monti accompagnate per mano dai giocatori della prima squadra:”Abbiamo detto tante volte che per noi la Roma è una piattaforma sociale ed è per questo che abbiamo investito nella promozione e nello sviluppo del calcio femminile”, ha detto il dg Mauro Baldissoni.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy