Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

rassegna stampa

Roma, dove hai lasciato la grinta?

Getty Images

Al Dall’Ara una Roma lenta e prevedibile, anche nervosa, lascia i tre punti al Bologna

Redazione

L’emergenza ti fa trovare le soluzioni, ok; ti spinge verso l’oltre, costringendoti a dare il doppio di te stesso, e ok. Ti fa reinventare in un nuovo ruolo e quindi tanti applausi ai vari ElSha, Perez etc. Tutto giusto, tutto già in bella evidenza. Ma a un certo punto arriva il crollo, scrive Alessandro Angeloni su Il Messaggero, perché poi in campo si trascinano sempre gli stessi, che perdono via via smalto, testa, la cattiveria diventa nervosismo, non più carattere. E quando meno te lo aspetti, finisci a terra e devi ricominciare daccapo. Difficoltà fisica e quindi mentale, ed ecco che al Bologna basta poco per prendersi i tre punti, così si spiega questa caduta bolognese. Quando non vanno le gambe, la testa non produce troppe idee: si vede al Dall’Ara una Roma lenta e prevedibile, anche nervosa. Ecco perché a Bologna lascia un bel po’ di quel quarto posto che aveva faticosamente riavvicinato in queste ultime settimane. Stavolta Mourinho è stato abbandonato dal centrocampo, che non è riuscito a far girare palla e là davanti Abraham e Zaniolo sono apparsi meno ispirati rispetto alle precedenti partite e c’è da dire pure che Nicolò viene ormai bersagliato dagli arbitri, che o non gli fischiano nulla o lo puniscono alla prima alzata di testa. E Mou a fine partita gli augura addirittura di lasciare la serie A. La Roma a Bologna compromette anche la prossima sfida contro l’Inter:Abraham, diffidato, si bacca un’ammonizione immeritata ma pesante e si innervosisce. Nel finale stessa sorte tocca a Karsdorp, di sicuro più colpevole: il giallo arriva quasi al fischio finale. E come se non bastasse si fa male pure El Shaarawy, al polpaccio.