Roma & DiFra prendono fiato

Roma & DiFra prendono fiato

Vittoria netta e facile contro il Frosinone, aspettando la Lazio sabato prossimo

di Redazione, @forzaroma

Finalmente la Roma, riapparsa nella notte più delicata: 4 a 0 facile facile contro il Frosinone, aspettando la Lazio. Non si può ancora dire se il peggio sia passato, ma il risultato almeno consente a Di Francesco di riprendere fiato nel momento più critico della sua gestione, come scrive Ugo Trani su Il Messaggero. Il tecnico torna a vincere dopo 5 mesi in campionato all’Olimpico e soprattutto dopo 38 giorni ritrova il successo in questa stagione che è cominciata malissimo.

L’ennesima formazione, 7 diverse in 7 match (solo Olsen e Manolas sono sempre stati titolari), e la nuova virata hanno finalmente sbloccato la Roma in piena crisi di gioco e d’identità. E, a quanto pare, è bastata l’umiltà e la coerenza di Di Francesco che, riproponendo il 4-2-3-1 (usato però in questa stagione solo in corsa), è andato incontro ai giocatori. Cioè li ha schierati nelle posizioni a loro più congeniali. Il ruolo di Pastore, trequartista alle spalle di Schick, è la conferma di quanto il tecnico abbia voluto aiutare i singoli a riabilitarsi. Non è detto che il sistema di gioco sarà confermato sabato pomeriggio nel derby, ma la soluzione scelta per superare il Frosinone è al momento la più adatta per gran parte dei calciatori acquistati da Monchi in estate.

Si diverte Pastore, alzandosi verso l’area avversaria, ma meglio ancora fanno Under a destra ed El Shaarawy. Nel tridente completamente rivisto da Di Francesco, solo Schick non si accende come dovrebbe. E, probabilmente, spreca la nuova chance. Sabato con la Lazio rivedremo quindi Dzeko.

Pastore, come contro l’Atalanta, ha usato il tacco per mettere al sicuro il risultato su cross preciso di Santon. Ed El Shaarawy, sfruttando l’accelerazione di Under, ha avuto il merito di far ritrovare il sorriso a Monchi e Totti in tribuna. Di Francesco, avanti di 3 gol all’intervallo (dopo un anno), ha avuto poi la possibilità di proseguire il turnover anche in corsa. Il poker porta la firma di Kolarov (1° gol all’Olimpico da giallorosso e 9° marcatore stagionale) su assist di Luca Pellegrini. Nessuna festa, ma un po’ d’entusiasmo si è rivisto. Almeno per una sera.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy