Roma, da Barella arriva un altro no

Roma, da Barella arriva un altro no

Al Cagliari piace più l’offerta dei giallorossi che quella dell’Inter. L’ultima parola sarà del nazionale azzurro

di Redazione, @forzaroma

Ormai per Barella si gioca a carte scoperte, scrive Stefano Carina su Il Messaggero. Merito (e convenienza) del presidente del Cagliari, Giulini, che ieri – a margine dell’Assemblea di Lega a Milano – ha confermato i parametri sui quali la Roma e l’Inter stanno portando avanti le rispettive proposte per il nazionale azzurro: “L’11 giugno abbiamo raggiunto un accordo con l’Inter sulla parte fissa, che è la cosa nettamente più importante in qualsiasi trattativa. C’erano soltanto i bonus da discutere, ma è da venti giorni che non sentiamo più l’Inter. Non so se sono ancora interessati al ragazzo – ha aggiunto – Nel frattempo abbiamo chiuso con la Roma, ci ha fatto un’offerta ancora più importante. Siamo soddisfatti“.

Non dice le cifre, che però sono note: i nerazzurri offrono 36 milioni più 4 di bonus. I giallorossi 30 più 5 di bonus e il cartellino di Defrel, disposti eventualmente a considerare anche il prestito di Riccardi.

L’uscita pubblica suona dunque come una sorta di all-in mediatico, volto ad ottenere la valutazione di 50 milioni richiesta.

Tutto però ruota attorno alla volontà di Barella. E quindi, paradossalmente, le parole di Giulini hanno cambiato poco in termini sostanziali. Sarebbe servito che il centrocampista aprisse alla Roma. Ma ieri, in serata, è arrivata la conferma che il nazionale azzurro ha ribadito come la sua priorità sia vestire nerazzurro. Così si spiega la serenità dell’Inter degli ultimi giorni. La Roma non ritirerà però l’offerta. Della serie: se Conte prenderà il centrocampista sardo, dovrà almeno alzare la posta. Magra consolazione.

Petrachi (che ieri insieme al segretario Longo ha visitato Trigoria) si rituffa su Veretout. Ma anche in questo caso bisogna attendere la decisione del calciatore, indeciso tra giallorossi, Milan e Napoli. Chi invece nella Capitale verrebbe di corsa è il difensore Mancini. Il ds lo considera la prima alternativa a Lyanco e Bartra. Capitolo Higuain: da tempo c’è l’ok della Juventus al trasferimento. Manca quello dell’argentino.

In quest’ottica, attenzione a Zaniolo, obiettivo bianconero. Intanto l’agente Vigorelli incontra questa sera Petrachi per sbloccare la questione-rinnovo. A proposito di rinnovi: Bruno Conti ha firmato per tre anni. Non come responsabile del settore giovanile ma confermato a capo delle Academy del club.

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gigisan1 - 1 anno fa

    se fosse vero che la società inseguisse anche un solo calciatore per convincerlo ad accettare una destinazione ciò non sarebbe un bene. se un calciatore preferisce una destinazione ad un’altra è giusto che segua il proprio istinto e, per la società, non è detto che sia un male, perchè, secondo un vecchio adagio,non tutto viene per nuocere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy