Roma, che flop. Figuraccia Real

Roma, che flop. Figuraccia Real

I campioni d’Europa vincono grazie a Isco, Bale e Mariano con i giallorossi mai in partita e in costante balia degli spagnoli

di Redazione, @forzaroma

La Roma non c’è più. Anzi, è più giusto dire che non è più quella dell’ultima Champions. Perché a Madrid perdere ci può stare, ma non così, scrive Ugo Trani su Il Messaggero.

Il Real vince 3-0, ma il punteggio non rispecchia quanto si è visto al Bernabeu. Tiro al bersaglio, con Olsen protagonista. Quando, lo scorso aprile, i giallorossi finirono ko al Camp Nou (4-1) nell’andata dei quarti, sfidarono alla pari il Barcellona. Sono passati 5 mesi e la squadra non gioca più. Ridimensionata e vulnerabile. Nello spirito e nella rosa.

Il mercato di Monchi è come se viaggiasse sulle montagne russe. Le luci del luna-park le prova ad accendere Di Francesco che fa debuttare il diciannovenne Zaniolo, preferendolo a Pellegrini e Cristante. Bocciatura tecnico-tattica, ovviamente momentanea, per gli azzurri. Punizione annunciata, invece, per Kluivert che viaggia ad alta quota e deve probabilmente tornare con gli scarpini per terra. Così sale in tribuna insieme con Karsdorp e Jesus, largamente insufficienti domenica contro il Chievo.

La difesa è quella titolare, Nzonzi, come previsto, fa la mezzala, Under ed El Shaarawy hanno ancora spazio ai fianchi di Dzeko. In fase di non possesso palla il 4-3-3 si trasforma nel 4-1-4-1 con De Rossi decisivo davanti alla linea arretrata, provvidenziali i recuperi su Bale e Benzema, prima di commettere fallo, a pochi secondi dall’intervallo, su Isco. Punizione dal limite, destro a giro, e vantaggio più o meno annunciato. Isco, stessa porta, punì un anno fa pure l’Italia di Ventura. Fino a quel momento, Olsen il migliore. Su Bale, Ramos e sullo scatenato Isco (2 volte).

La sorpresa nel Real Madrid, almeno in Spagna, è Navas in porta e Courtois in panchina. E il tridente, dopo 5 partite, è diverso, con Isco a sinistra e Asensio fuori. Non c’è partita e non bisogna venire qui a scoprilo. Anche perché Fazio e Kolarov sono indietro, Nzonzi ancora passeggia e Zaniolo, pronto a scambiarsi la posizione con il francese, è da svezzare. Manca il pressing e l’aggressività. La ripresa sembra migliore, nell’interpretazione. Navas è strepitoso proprio su Under, ma Bale, dopo aver centrato la traversa, raddoppia in contropiede, su lancio di Modric. In campo c’è già Pellegrini (Kuipers gli nega il rigore solare) per Zaniolo, poi si rivede Perotti, fuori El Shaarawy. Ecco, intanto, Asensio per Benzema. Di Francesco, a metà tempo, passa al 4-2-4 con Schick per Nzonzi. Debutta Mariano, con il pesantissimo 7 sulle spalle. E fa subito centro. La Roma, fragile dall’inizio della stagione, lo è da tempo quando viaggia in Europa: da 29 trasferte subisce gol.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Emmeggi - 1 anno fa

    VIRREI VEDERE IL BICCHIERE MEZZO VUOTO.TEMEVO UN RISULTATO PEGGIORE ,IN FONDO 3-0 CON IL REAL NON È UN VERO KO.IL BICCHIERE MEZZO VUOTO PERÒ È OLSEN.BRAVISSIMO ED IN GRANDE MIGLIORAMENTO ( LA PARTITA DI IERI È STATO UN GRANDE E PERSONALE ALLENAMENTO!!!).
    Non diciamolo troppo forte….potrebbero cominciare a pensare ad una sua cessione!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy