Roma, c’è anche la Coppa

Fonseca punta al campionato per tornare in Champions e risparmia ancora qualche big nella sifa contro il Cluj

di Redazione, @forzaroma

Fonseca non snobba il Cluj, da affrontare nel tardo pomeriggio all’Olimpico (ore 18,55) con in palio il primato nel gruppo A. Ma il portoghese, scrive Ugo Trani su Il Messaggero, insiste e dà la priorità al campionato.

Il suo messaggio, lineare e quindi inequivocabile, già nelle prime 2 gare di coppa: 9 titolari fuori contro lo Young Boys, chiamati in causa poi in 5 per ribaltare in corsa il risultato, e 8 contro il Cska Sofia, quando non è bastato per vincere lo stesso copione con l’inserimento dei big nella ripresa. Concetto ribadito anche domenica, dopo il successo contro la Fiorentina: gli over 30 della Roma non possono giocare 3 partite in una settimana. A loro la serie A, a parte qualche eccezione a seconda del match, agli altri l’Europa League. Che, comunque, interessa alla nuova proprietà Usa. Questione di visibilità, ultimamente minima, all’estero, dove pesa la mancata qualificazione per 2 stagioni di fila alla fase a gironi della Champions. Doppio flop per il bilancio in forma diretta (partecipazione) e indiretta (sponsor).

Non c’è una squadra di campionato e una d’Europa, è una scelta mia di volta in volta“. Fonseca evita, comunque, di ufficializzare la sua strategia che, però, è mirata a riportare la Roma in Champions. “Per me conta scegliere i migliori giocatori per ogni partita. Ovviamente sto attento alla loro condizione fisica dei giocatori e alla vicinanza del prossimo impegno, ma la cosa più importante è scegliere i migliori per questa gara“.

Quello che mi interessa è far giocare Mayoral“. Il tecnico, dunque, sistema la questione a modo suo. Offrendo la terza chance all’attaccante arrivato dal Real e augurandosi di assistere alla sua riabilitazione.

Il Cluj, intanto, è rivale conosciuto. La Roma lo ha affrontato nella fase a gironi della Champions sia con Spalletti (ko all’Olimpico il 16 settembre 2008, successo al ritorno) che con Ranieri (vittoria casalinga il 28 settembre 2010 e pari in Romania). Qui ha perso con la Lazio l’anno scorso, ma ha vinto nel suo stadio prendendosi la soddisfazione di passare il turno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy