Roma, al Franchi c’è la Coppa della pace

Dopo la clamorosa rimonta subita in campionato i giallorossi vogliono placare critiche e polemiche centrando a Firenze la semifinale del trofeo nazionale. Spazio a Schick e Pastore, conferma per Zaniolo

di Redazione, @forzaroma

Dentro o fuori, proprio come 4 anni fa, scrive Ugo Trani su Il Messaggero. In quell’edizione, però, i quarti di Coppa Italia in gara unica si giocarono all’Olimpico. Oggi pomeriggio (ore 18,15), invece, l’appuntamento è al Franchi: la Fiorentina ospita la Roma e Pioli vuole imitare Montella che, da ex avvelenato, il 3 febbraio del 2015, eliminò dal torneo i giallorossi di Garcia (poi concesse il bis, il 19 marzo, in Europa League).

Ma Di Francesco non intende certo scansarsi, dando la priorità allo scontro diretto con il Milan per la zona Champions, in calendario domenica sera e in casa. Il suo obiettivo è restare in corsa su tre fronti: “Noi ci teniamo tanto, soprattutto in questo momento in cui tutte le squadre vogliono andare avanti nella competizioni”.

Anche la proprietà Usa, pur considerando vitale il 4° posto, non ha alcuna intenzione di sminuire il valore della Coppa Italia. Pallotta è scontento di questa Roma in altalena, incapace di viaggiare con continuità in campionato.

Abbiamo dimostrato di dover ancora crescere nel nostro cammino. – dice Di Francesco – E, diminuendo le partite, dobbiamo farlo in fretta. La fortuna del calcio è quella di potersi rifare, al di là della partita comunque dal bicchiere mezzo pieno. Contro l’Atalanta abbiamo fatto un grande primo tempo e un secondo deficitario sotto tutti i punti di vista. Non ce lo possiamo permettere, specialmente in una gara secca come quella contro la Fiorentina in cui abbiamo pochissimi margini di errore”.

Di Francesco si presenta al Franchi con 4 novità dopo il pari di domenica: dentro, nel 4-2-3-1, Florenzi e Fazio in difesa, Pastore da trequartista e Schick, in ballottaggio con Dzeko, nel ruolo di centravanti. Questo sta a significare che Zaniolo giocherà ancora da esterno alto a destra. Nella rotazione, scontato il turno di riposo per Pellegrini, unico centrocampista rimasto a disposizione per la sfida contro il Milan in campionato, anche se l’allenatore spera nel recupero di De Rossi.  Il finalizzatore di coppa è però Schick: dopo la doppietta all’Entella, insieme con El Shaarawy sfida Chiesa e Muriel che recentemente hanno sempre fatto la differenza nel tiro al bersaglio.

Sì, attualmente siamo due squadre simili. Efficaci davanti, vulnerabili dietro” ammette Di Francesco. Che insiste: “Contano la testa e la personalità. La nostra fase difensiva è da migliorare: pensavamo di aver ritrovato maggiore equilibrio, ma queste due partite ci hanno fatto capire che dobbiamo lavorare ancora tanto sotto l’aspetto mentale, di attenzione. Il difensore deve pensare sempre in negativo, cioè che da un momento all’altro può succedere qualcosa. Una squadra che ambisce ad arrivare in Champions non si può distrarre come è successo a Bergamo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy