Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

Il Messaggero

Rimandati: Roma e Mou, i conti non tornano. Serve la rivoluzione

Getty Images

La stagione, almeno per quanto riguarda l’ambizione Champions, di fatto è agli sgoccioli e, a meno di miracoli, ci si proietta a settembre

Redazione

Il giorno dopo – quando ti lecchi le ferite – è di riflessione, scrive Alessandro Angeloni su Il Messaggero. Sui numeri, che non tornano, la Roma ha nove punti in meno dello scorso anno, ha perso nove volte in campionato, ha nove punti meno dell’Atalanta, quarta, con una partita giocata in più; sul progetto triennale, con firma Mourinho, non uno qualunque, che frena bruscamente e per l’ennesima volta; sul futuro, la stagione (almeno per quanto riguarda l’ambizione Champions), di fatto, è agli sgoccioli e, a meno di miracoli, ci si proietta a settembre, quando ne comincerà un’altra, magari con le stesse ambizioni e l’entusiasmo dello scorso luglio ma con risultati diversi. Mourinho, ne post Roma-Juve, usa la strategia delle distruzione verbale, con dichiarazioni, diciamo critiche, contro squadra e società sulle imposizioni economiche di mercato. Dalla distruzione si ricostruisce e la Roma, proprio secondo il suo allenatore, andrebbe praticamente rifondata, magari con un difensore centrale in più (Kumbulla non è proprio di suo gradimento), un terzino (è arrivato Maitland-Niles, ma basterà?), un centrocampista-regista (Xhaka era l’obiettivo estivo, ora è in arrivo Oliveira). Tre giocatori di livello tecnico superiore alla media e con personalità. Non è la prima volta che Mou parla in quel modo e finora certe dichiarazioni non hanno portato vantaggi, anzi. Una squadra debole caratterialmente, davanti a parole così nette, si indebolisce ancor di più, e una società che non può spendere, non comincia a farlo se ironizzi sul prestito di Salah o sul mercato che si sta facendo in questa fase, quasi a costo zero. Adesso Mou, da parafulmine, diventa l’uomo della piazza per spingere il club a investire sui calciatori. Serve una sterzata, quella sì: come squadra e nelle strategie societarie. Il tecnico portoghese ha bisogno di giocatori all’altezza, caratterialmente forti e che tecnicamente sappiano fare la differenza. Come è stato abituato in passato: così ha vinto, così vuole vincere a Roma.