Preziosi, urla di rabbia: “Di Bello in malafede. Var? Sistema malato”

Preziosi, urla di rabbia: “Di Bello in malafede. Var? Sistema malato”

Durissimo il j’accuse del presidente del Genoa dopo il rigore non concesso nel match contro la Roma

di Redazione, @forzaroma

Altro giro, nuova polemica. Stavolta il penalizzato dall’assurda applicazione a targhe alterne del Var è il Genoa. Protagonisti, loro malgrado, il fischietto Di Bello e il Var Chiffi.

Durissimo il j’accuse del presidente Preziosi che anziché il fioretto, usa il bastone: “A me sembra che quello di domenica contro di noi non sia un errore a caso, ma in malafede. Lo dico sapendo che posso essere deferito. Su un episodio così clamoroso non si poteva non usare il Var. Il sistema è malato e sbagliato – ha spiegato intervenendo a Radio Rai 1 – Era una partita che potevamo vincere e l’abbiamo persa. L’arbitro si è rifiutato di consultare il Var e mi devono spiegare perché” come riporta Stefano Carina su Il Messaggero.

Preso il via, difficile frenarlo: “Senza dimenticare che ha impiegato quattro minuti per vedere un centimetro di scarpa per annullare un gol (in occasione del fuorigioco di Piatek, ndc) e poi non ha voluto vedere l’altro episodio. Mi viene da pensare che siccome c’erano contestazioni in atto contro la Roma, andare a casa con una vittoria avrebbe reso tutti felici e contenti… Il Var così è un’arma impropria. Di per sé non è un problema ma lo diventa per come viene utilizzato. Di fronte a episodi clamorosi, come quello su Pandev, un capitano dovrebbe avere in campo il diritto di richiederne l’uso”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy