Perotti l’uomo Champions, Mkhitaryan il suo rivale

Perotti l’uomo Champions, Mkhitaryan il suo rivale

L’unico balottaggio nella formazione anti-Toro sarà tra l’argentino e l’armeno

di Redazione, @forzaroma

Sfogliando la margherita giallorossa, scrive Stefano Carina su Il Messaggero, i petali rimasti sono dodici anziché undici.

Sì, perché l’unico ballottaggio (ameno che Fonseca non voglia preservarsi il diffidato Pellegrini per la Juventus, ipotesi che il portoghese in passato ha sempre declinato per situazioni analoghe) è tra Perotti e Mkhitaryan.

Titolare ad agosto il primo, a settembre il secondo e ora entrambi scivolati dietro Kluivert. Ma visto che come ha specificato il portoghese, l’ex Ajax non è ancora pronto («Ha cominciato a lavorare con noi, ma ho parlato con lo staff medico e non sta bene. Non voglio rischiare con la sua situazione e credo abbia bisogno di una settimana in più, magari dopo la partita con la Juve») ecco che l’unica maglia in palio con vista granata è tra i due. E sarà così anche domenica prossima contro i bianconeri.

Ma il tempo a volte sa essere galantuomo, soprattutto con chi è capace a (ri)salire sui treni in corsa. Diego Perotti è uno di questi. Del resto l’uomo che il giorno dell’addio di Totti con quel gol allo scadere regalò l’accesso diretto alla Champions e qualche mese dopo con la rete al Qarabag permise l’accesso come primi nel girone agli ottavi è uno che non si arrende mai. Quando pensi che ha mollato, eccolo lì che è pronto a piazzarti il colpo che non ti aspetti.

Altruista e decisivo, come piace Fonseca che però ha un debole per Mkhitaryan. Ogni volta che può, lui poco incline ai complimenti individuali, lo incensa, consapevole della qualità che l’armeno dispone. In effetti uno che in appena 426 minuti, giocando perlopiù spezzoni finali di partita, ha già segnato 3 gol, si definisce da solo. Proprio questa dote di accendersi subito, di entrare subito in partita.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy