Pallotta: “Fuori dalla realtà”. La società vuole portare Totti in Tribunale

Pallotta: “Fuori dalla realtà”. La società vuole portare Totti in Tribunale

Furiosa reazione da Boston: lo accusano di turbativa d’asta. La Borsa crede nella cessione della società: il titolo fa +1,59%

di Redazione, @forzaroma

Rasa al suolo e quindi da ricostruire: la Roma esce disintegrata dallo tsunami partito dal Salone d’Onore del Coni. Scoperto il bluff. Ma la replica al Capitano è immediata: “La sua percezione dei fatti e delle scelte adottate dal Club è fantasiosa e lontana dalla realtà”. Pallotta urla la sua rabbia e studia se sarà possibile adire le vie legali (turbativa d’asta e non aggiotaggio): l’immagine della società a stelle&strisce esce dilaniata e svalutata. In Italia e soprattutto all’estero, scrive Ugo Trani su Il Messaggero.

Chi lavora nella Capitale è spiazzato e mortificato dalla verità dell’ex capitano e, da venerdì, anche ex dirigente. Perché Totti, più sincero di quanto avessero messo in preventivo i suoi cari nemici vicini e lontani, strappa improvvisamente il velo d’omertà usato per coprire, da 8 anni, quanto di peggio si è consumato dentro il club giallorosso.

Totti, raccontando il colloquio avuto con Conte, ha spiegato che la Roma va verso l’ennesima rivoluzione. Cioè non sarà migliorata, ma rifondata. Sbarcherà il nuovo allenatore Fonseca e il 1° luglio sarà comunque ufficiale anche il ds Petrachi. Ecco le prime pietre da posare. Ma poi c’è la squadra, cioè la rosa. Che perderà alcuni titolari: De Rossi è già uscito di scena, presto lo faranno pure Manolas, Dzeko e Kolarov.

L’obiettivo di Fienga (e Petrachi) è piazzare il colpo di mercato che possa riportare un po’ di entusiasmo tra i tifosi. Subito il top player. Da individuare, però. Icardi sarebbe l’ideale, anche per l’età. Ok Higuain, con la valutazione attenta comunque del profilo. Ma questi centravanti si portano sulla bilancia pure il peso insopportabile, almeno per il club giallorosso, del loro stipendio: 6 milioni Mauro, 7 più bonus Gonzalo. Significherebbe andare contromano: Pallotta, con la mancata partecipazione alla Champions, pretende la drastica riduzione del monte ingaggi. Meglio spendere per il cartellino del giocatore che per il suo salario.

La cessione è l’unica exit strategy della proprietà Usa, anche se il presidente bostoniano ha assicurato che andrà avanti ancora a lungo. Almeno fino a quando non avrà i permessi per costruire lo stadio di proprietà. E la mossa degli ultimi giorni, con il piano B di Fiumicino che è l’alternativa credibile all’impianto di Tor di Valle, non fa altro che rafforzare l’ipotesi della cessione del club giallorosso.

I bookmaker hanno però colto al volo il desiderio di Francesco di tornare in caso di cambio di proprietà: la sigla Sisal Matchpoint quota a 6,00 l’addio degli americani entro il 30 giugno 2020. Puntata lunga un anno per riportare a casa il Capitano. Anche la Borsa scommette forse su qualcosa che verrà: prima scende, poi risale e chiude a + 1,59.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy