Pallotta: “E’ la mia Roma più forte”

Pallotta: “E’ la mia Roma più forte”

Il presidente da Dallas: “Sulla carta non abbiamo mai avuto una squadra così, siamo migliorati davvero tanto”

di Redazione, @forzaroma

Il dg Baldissoni e il ds Monchi sono nel bar adiacente alla hall dell’hotel ad aspettare l’arrivo del presidente Pallotta che puntuale, si presenta al W Dallas Victory a metà mattinata a bordo di un suv nero, come riporta Gianluca Lengua su Il Messaggero.

Al meeting della dirigenza si aggiungono anche Massara e Balzaretti. “Sappiamo cosa fare e al momento non abbiamo bisogno di un’ala. N’Zonzi non è troppo vecchio, la questione non è di anzianità, ma di qualità e sostenibilità di ingaggi. Lui è una bestia, ha 29 anni ed è in perfetta forma. Suso? Non spenderemo i nostri soldi tanto per spenderli”, spiega Pallotta alla fine della riunione e prima di andare a pranzo.

Perché allora ha provato ad acquistare Malcom se la Roma non ha bisogno di un’ala? “Era un’opportunità e ci piaceva. Quello che è successo con lui non cambierà i nostri programmi. Sulla carta abbiamo la migliore squadra che io abbia mai avuto: Schick e Karsdorp sono tornati, Pellegrini e Under sono cresciuti di un anno, Pastore, Marcano, Cristante e Kluivert sono tutti ottimi acquisti”.

Negli ultimi allenamenti che si sono svolti a San Diego, Di Francesco ha provato Kluivert sulla destra, anche se l’esterno nell’intervista rilasciata a Il Messaggero ha confessato di preferire la posizione sulla sinistra: “Questo non è un problema perché da quella parte possono giocare anche Perotti ed El Shaarawy. Inoltre Florenzi potrebbe essere avanzato in attacco». A proposito di Stephan e Diego, entrambi hanno ricevuto offerte da club italiani ed europei: «Perché dovrebbero andare via? Siamo contenti dei giocatori che abbiamo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy